• mag
    06
    2016

Album

Thirdworld

Add to Flipboard Magazine.

La tentazione è quella di mandarli a quel paese, i Death Grips. Per la loro tendenza all’eccesso in tempi in cui questo non significa più trasgressione (e il duo è senza dubbio impegnato in una crociata contro i tabù – se ne esistono – della società odierna), per quel suono che vorrebbe essere aggressione ma che di questa non ha l’effetto-sorpresa e forse nemmeno la capacità di rinnovamento, per la loro naturale propensione ad essere polemici e cattivi. E, infine, anche per la promessa di sciogliersi che avevano fatto all’altezza di The Powers That B e che non è stata mantenuta. Ma, dall’altro lato, c’è della pervicacia donchisciottesca nel loro scagliarsi contro tutto e tutti, financo sé stessi, che li qualifica come coraggiosi. Perché la loro è quasi una scelta decisiva per non incagliarsi in troppe pippe mentali: andare contro, a testa bassa.

Il suono noise, l’elettronica che spezzetta il ritmo, il rapping grossolano da fomento, il trash esibito come medaglia d’onore: tutti elementi già ascoltati, nei precedenti dischi dei Death Grips. Tutta roba che forse gente come i Dälek fa meglio e in maniera più chirurgica e precisa, e con meno stampa favorevole a supporto. Eppure c’è qualcosa, in mezzo a tutto questo rave andato male, che risulta ancora affascinante: pensatelo come un sound system di yuppie, in cui l’eroina sostituisce la coca ma dove viene conservato un certo attaccamento alla vita. Un altro elemento che pare salvare i Death Grips è il loro miscelare in un’unica musica cose tutt’altro che piacevoli con un quantitativo considerevole, digitale principalmente, di sensualità. Moltissimo, in loro, è un misto di veleno e sudore post-orgasmico. Basti ascoltare 80808, dove beat caldi diventano poi scheletrici, grime e drum’n’bass, contrappuntati poi da chitarre, sirene e rumori assortiti: il suono di MC Ride e Zach Hill magari avrà perso rilevanza ma non potenza, anzi è maggiormente a fuoco, per quanto possa esserlo un simile caos organizzato.

Caos in cui è visibile in tralice la matrice crossover 90s (i Beastie Boys in apnea alle voci di Spikes, i Run-DMC che fanno capolino di Warping) che cercava di far comunicare rap e rock, ma con un maggior slancio in termini di aggressività e autoreferenzialità: e infatti i brani riescono ancora una volta nel piccolo prodigio di avanzare non linearmente, portando questa commistione a non toccare mai una delle derive invecchiate peggio di quegli anni – il nu-metal – e conservando un andamento da panzer. Dall’hardcore hip hop dell’opening Giving Bad People Good Ideas fino alla chiusa noise del pezzo che chiude l’album e lo intitola, toccando piccoli inni come BB Poison, è una cavalcata cattiva, in cui non c’è spazio per l’eleganza ma in cui è presente una cura del dettaglio particolarmente accentuata. D’altronde, anche le catastrofi soniche possono spesso essere messe in piedi col cesello, più che con le bombe.

23 Maggio 2016
Leggi tutto
Precedente
Kowton – Utility Kowton – Utility
Successivo
Claudio Rocchetti – Memoria Istruttiva Claudio Rocchetti – Memoria Istruttiva

album

recensione

artista

recensione

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite