• gen
    01
    2011

Album

Polyvinyl Records

Add to Flipboard Magazine.

Un paio di anni fa, avevamo lasciato i Deerhoof sulla strada che loro stessi hanno inventato, quella che, nonostante i walzer di collaboratori, di membri, di equilibri tra gli strumenti e i generi, è a tutt’oggi il lascito (ormai passato?) del combo. Si discuteva ancora di pop vs. non pop, strutture complesse vs. garage. Era appena arrivato Ed Rodriguez, come seconda chitarra, e l’abbandono di Chris Cohen sembrava metabolizzato.

È difficile pensare ora – nell’album numero 12, se non 13, considerando una pubblicazione online – a un brusco cambiamento, e in effetti Deerhoof vs. Evil è un disco inequivocabilmente riconoscibile come Deerhoof-iano. Ci sono sempre strutture che cambiano, complessità, e quel sound da Bay Area (Behold a Marvel in the Darkness) che porta il loro marchio da ormai quindici anni, quando Rob Fisk e Greg Saunier (quest’ultimo ancora all’attivo nella band, e decisivo in ogni senso) misero a punto i primi singoli.

Nel crogiolo di opposizioni, e nella lotta tra lo zoccolo e il demone, abbiamo però un vincitore. Non è la schizofrenia, ma la melodia. Non vince ai punti, ma in quanto punto di vista dominante – e questa è una novità non da poco. Non si tratta di pop e non pop, né di caramelle o carbone. Si discute di gerarchie. I Deerhoof non guardano più con le lenti di una complessità schizzata verso tutti i generi, ma sembrano oggi scrutare la diversità delle opzioni e delle strutture con il cannocchiale della melodia (The Merry Barracks). Di conseguenza, le canzoni vere e proprie crescono di numero – pur non mancando le sterzate musicali – e si impongono come momenti importanti del disco (I Did Crimes for You), finendo col deliziarci come fossero novelli brasiliani ex-tropicalisti (Must Fight Current). Fa il gioco del brano-canzone la pubblicazione, nel countdown dell’uscita del disco, di un brano in streaming al giorno in un sito web di nazionalità ogni volta diversa.

La conclusione è la stabilità. E di dischi così, a questo punto, i Deerhoof potrebbero farne altri dodici.

26 Gennaio 2011
Leggi tutto
Precedente
Tapes N Tapes – Outside Tapes N Tapes – Outside
Successivo
24 Grana – La stessa barca 24 Grana – La stessa barca

album

artista

Altre notizie suggerite