• lug
    01
    2009

Album

Lovepump Records

Add to Flipboard Magazine.

Verrebbe da pensare che la curiosa storia della nascita di Angel Deradoorian riportata nella press-sheet – semi-strozzata dal cordone ombelicale e salvata solo dal padre musicista che così le avrebbe trasmesso l’amore per la stessa – sia stata inventata per mettere un po’ di sale su questo esordio. Il fatto è però che la 22enne americana non ne ha proprio bisogno di storielle, né questo mini album d’esordio necessita di aggiunte di sale visto che saporito lo è già di suo.

Una voce celestiale quella di Angel, già collaboratrice di Dirty Projectors. Una di quelle che, se non ci fosse nessun altro strumento a circondarla, avrebbe ragione d’esistere lo stesso. E infatti di strumenti ce ne sono pochi – uno spruzzo di elettronica, qualche passaggio acustico di chitarra, qualche battere di percussioni – perché il fulcro di tutto è la voce di Angel. Qualcosa che tratteggia paesaggi a metà tra sognanti panorami 4AD e minimalismo Heavenly Voices struggente e accorato, dimensione panica e folk da immaginario fantasy, con una particolare inclinazione per malinconia e crepuscolari tensioni. Il tutto si manifesta al suo meglio nel capolavoro finale Moon, vera e propria escursione cosmica dal sapore mediorientale. Ottimo esordio, peccato solo per la brevità.

27 settembre 2009
Leggi tutto
Precedente
Jesus Lizard at Circolo Degli Artisti, 21 settembre 2009 Jesus Lizard at Circolo Degli Artisti, 21 settembre 2009
Successivo
Radio Slave – Fabric 48 Radio Slave – Fabric 48

album

artista

Altre notizie suggerite