• Giu
    21
    2019

Album

Universal

Add to Flipboard Magazine.

Che si tratti di corrodere dall’interno i meccanismi del Sistema partecipando a reality di dubbio gusto, approfondire in accurati e professionali video-tutorial la scienza esatta di danze esotiche, sfornare singoli ammiccanti ma capaci di flirtare con l’avanguardia, o reinterpretare grandi classici della nostra nobile tradizione cantautorale più recente, la nicchia cul(turale) in cui il progetto Elettra Lamborghini ha sempre anelato non è certo un mistero. 

Twerking Queen rappresenta oggi un importante primo punto d’arrivo di un percorso (anche) musicale coerente e ben indirizzato, che vede al suo termine la Lamborghini ben salda sul trono della scena latinoamericana Made in Italy. Un obiettivo ambizioso ma alla portata, corteggiato seguendo piccoli e ben ponderati passi e cogliendo vittorie su vittorie a suon di poderose sculettate e iconoclastici piercing ai capezzoli, oltre che ad un uso della parole bitches come asettico intercalare che è pura decostruzione semiotica.

Le tracce in scaletta sono tra loro assolutamente intercambiabili, hanno tutte la stessa ritmica e le stesse idee, la stessa voce robotica preconfezionata spalmata su un muschioso scheletro di reaggaeton che nel 2019 è già ampiamente fossile. I featuring sono pesanti e autopilotati con grande mestiere, non c’è nessuna sorpresa ed è meglio così. Tra un singolo di Giusy Ferreri e una nuova ed entusiasmante variante di cornetto, l’estate italiana è di nuovo servita.

2 Luglio 2019
Leggi tutto
Precedente
Tim Hecker e Ben Frost sotto la piramide di Franco Maria Ricci
Successivo
Oren Ambarchi – Simian Angel

album

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite