• lug
    07
    2017

Album

Polydor, Universal

Add to Flipboard Magazine.

Le sorelle losangeline, che avevano fatto parlare molto bene di loro quattro anni fa con un debutto degno di nota, sono tornate. Something To Tell You immerge il pop-rock rétro di Days Are Gone in tonalità malinconiche, lungo terreni sopravvissuti all’urbanizzazione (ne abbiamo conferma nei nitriti di Want You Back) in cui i Fleetwood Mac sono liberi di scorrazzare cedendo, di volta in volta, a tentazioni r&b e al folk – come al rock – degli anni ’70.

Il secondo album delle HAIM conserva la spensieratezza che Florence Welch ha perso per strada, alterna melodie semplici a ritornelli catchy pur rimanendo fedele a una dimensione intima e personale (tanto che Bobby Gillespie è convinto che si tratti di «cantanti gospel»). Non si può non tenere conto del personale se gli arrangiamenti soft rock del terzetto girano attorno all’intricata questione di come siano delicati i rapporti umani. Tutto quadra: dalle avvisaglie country di Little Of Your Love ai tappeti elettronici della title-track, passando per gli archi di Found It In Silence e attraverso la retromaniaca Keep Me Crying. Quel “qualcosa” che le HAIM ci dicono non è per nulla un riempitivo; si tratta, invece, di un monito: dietro l’apparente semplicità di Something To Tell You ci sono grovigli concettuali e sonori che necessitano di più ascolti. Il risultato, ottenuto, è quello di ritrovarsi a canticchiare i brani di questo album consapevoli che non passerà molto tempo prima di riascoltare le dieci canzoni che lo compongono.

Non serve aggiungere un ulteriore plauso a questa band, negli scorsi anni sono stati in parecchi a tessere le lodi delle HAIM. Tutto quello che c’è da sapere è che stiamo parlando di uno dei gruppi – sul loro terreno – più in forma del momento, ascoltare per credere.

11 luglio 2017
Leggi tutto
Precedente
Jay-Z – 4:44 Jay-Z – 4:44
Successivo
Dead Boys – Young, Loud And Snotty Dead Boys – Young, Loud And Snotty

album

HAIM

Something to Tell You

recensione

recensione

recensione

recensione

Florence And The Machine

How Big How Blue How Beautiful

artista

Altre notizie suggerite