• Mar
    09
    2015

Album

Bad Panda Records

Add to Flipboard Magazine.

Nel suo esordio Night Drops (2012) Indian Wells (moniker del producer calabrese Pietro Ianuzzi) aveva realizzato un piccolo capolavoro unendo la notturna solitudine urbana di Burial con la solare umanità elettronica di Four Tet senza suonare meramente derivativo, ma riuscendo a dare al tutto un’impronta personalissima in un prezioso gioiello di lirismo sintetico, perfetto nella sua imperfezione. Alta era quindi l’attesa per Pause, il suo secondo lavoro in studio, pubblicato ancora una volta dall’italianissima Bad Panda Records.

L’opener Lipsia da subito mostra quali siano le novità che caratterizzano l’album rispetto a Night Drops: produzione più limpida e meno legata all’estetica lo-fi da bedroom-tronica, ritmi decisamente più ballabili rispetto all’esordio ma con la cassa che, seppur sempre presente, rimane ovattata e in secondo piano, quasi a voler ricordare come quella di Indian Wells rimanga sempre e comunque un elettronica distante dal dancefloor e destinata all’intimo ascolto in solitaria, veicolo di dolci e sfocate emozioni in movimento.

È ancora una volta Four Tet il punto di partenza, ma stavolta siamo più dalle parti di There is Love in You che da quelle di Rounds, ed è di nuovo la struttura sapientemente costruita in crescendo la costante dei 7 bozzetti che compongono il disco. Agli echi di Kieran Hebden si affianca nuovamente anche Burial nella successiva e bellissima Alcantara e nella ballabile ambient di Changes. Giochi downtempo in Mountain, mentre si vola ad altezza Inventions nell’eterea Pause/Vignelli e guardando ai Dot Hacker in Games in the Yard, l’unico brano cantato (dalla voce di Matilde Davoli) dell’album.

È un viaggio sognante e bellissimo questo disco, colonna sonora ideale per le tiepide mattine di primo sole primaverile in arrivo o amico nelle New York Nights in cui serve qualcosa che possa fotografare e fermare quell’impalpabile immobilità urbana che solo a notte fonda è possibile provare. Indian Wells conferma di possedere un talento unico e speciale, quello di saper toccare le corde giuste nell’animo dell’ascoltatore regalando un sincero calore umano a un genere che per definizione nasce sintetico come l’elettronica, e dimostrando di essere un’artista in assoluto stato di grazia e prontissimo per fare “il grande salto”. Bravo.

12 Marzo 2015
Leggi tutto
Precedente
Carneigra – A vita bassa Carneigra – A vita bassa
Successivo
Sycamore Age – Perfect Laughter Sycamore Age – Perfect Laughter

album

etichetta

artista

Altre notizie suggerite