Live Report

Add to Flipboard Magazine.

Spostato all'ultimo minuto dall'oscura location a Lambrate ai rodatissimi Magazzini Generali (con un pubblico a occhio e croce raddoppiato rispetto alle selezioni fatte via Facebook), il primo e – pare – unico concerto italiano di James Blake per il 2011 è certamente un evento. Ci sono i musicisti (senza troppo sporgere il collo intravediamo tra la folla gli Aucan e – ci dicono – i Crookers; becchiamo anche un paio di amici produttori wonkytaliani), ci sono gli addetti ai lavori, ci sono i dubsteppiani di lungo corso, ma soprattutto i newbie infatuati di questo dubstep arty tagliato con il bisturi per piacere agli indie cresciuti con i Radiohead prima e Burial poi.

Dopo un gruppo spalla non meglio identificato (un duo abbastanza ectoplasmico che suona post-rock ambient), James parte – in strategico ritardo – con Unluck. E parte abbastanza moscio. Gli ci vogliono un paio di pezzi per scaldarsi ed entrare in serata. Si accende con il mantra di I Never Learned To Share e con una Lindisfarne che si scopre molto folkie con quell'arpeggino di chitarra. Il pubblico va un po' a pilota automatico, applaude tutto con convinto entusiasmo, ma già da subito a metà sala si parla come si fosse al pub, e per svegliarlo dall'automatismo – e metterlo in riga – ci vuole un lungo pezzo di dubstep burialiano da dancefloor, che finisce con la cassa pestata in quattro. Ottima mossa. Il set è breve come previsto, un'oretta scarsa, con la tracklist dell'album passata quasi tutta in rassegna e il cuore di tutto, ovviamente, in una Limit To Your Love che ormai è cosa da accendini.

Amplificazione che tutto sommato regge, nonostante i superbassi ogni tanto ronzino, ma è proprio la proposta di James ad essere messa alla prova, e ad uscire provata, dal passaggio sul palco, con tutti quei dettagli e quelle specificità che rendono speciale il disco che finiscono fuori fuoco e stingono. Eravamo preparati dai molti video visti sul Tubo (in location non sempre azzeccate, tipo mega-festival all'aperto sotto il sole del primo pomeriggio), con uno scenario non troppo diverso da quello dei Magazzini (ivi compreso il pubblico chiassoso sui pezzi più slow e più soft). James insomma alla fine non delude, anche perché, oltre i feticismi produttivi e timbrici, i pezzi sono quelli e sono belle canzoni, punto, basta una buona interpretazione, intensa, sentita, per esaltarle. Resta però l'idea che per quello che propone, soprattutto in questa vesta suonata (questo trio stripped down voce/tastiere, chitarra/effetti e batteria/pad), James dovrebbe fare concerti alle tre di notte in club per massimo cinquanta persone.

Piccola curiosità: vediamo James sfrecciare tra il pubblico prima del concerto almeno un paio di volte, altissimo, efebico, inglesissimo nella sua camicia di raso bleu, ma nessuno pare riconoscerlo.

23 Aprile 2011
Leggi tutto
Precedente
Elita Festival 2012
Successivo
Morning Telefilm – O Time Morning Telefilm – O Time

Altre notizie suggerite