• Set
    01
    2010

Album

Drag City

Add to Flipboard Magazine.

Certo il tempo è passato e dall'elegante francese non ci si aspettano più miracoli o cambi di rotta particolari, pur sapendo della pausa a tempo indeterminato dagli Stereolab e della chiusura del side-project vintage pop Monade.

Batterie krautrock, ritmiche affidate a synth meccanici o a chitarre altrettanto robotiche, arrangiamenti raffinati e una voce sempre eterea e sofisticata. Gli ingredienti non cambiano eppure una differenza si avverte: il volume del microfono è alzato e Laetita lascia trasparire un velo d'emozione inedito specialmente nella malinconica ballata Statues Can Band e nella frizzante One Million Year Trip, che parla del suicidio della sorella.

A render più umana la cantante contribuiscono le liriche e una maggiore espressività, specie nelle due splendide cover Un Soir, Un Chien di Les Rita Mitsouko (dove neppure il minimalismo elettronico tanto caro alla sua vecchia band riesce a oscurare l'interpretazione vocale) e By The Sea di Wendy & Bonnie.

Il Trip musicale di Laetitia è lungi dall'essere concluso. 

1 Dicembre 2010
Leggi tutto
Precedente
The Bug – Infected EP The Bug – Infected EP
Successivo
Jon Spencer Blues Explosion – Year One Jon Spencer Blues Explosion – Year One

album

artista

Altre notizie suggerite