• mag
    01
    2008

Album

La Tempesta Records

Add to Flipboard Magazine.

Cut-up à la Burroughs che si fa storia e congiunzioni; che incontra il cielo pesante della provincia post-industriale rimanendone folgorato; che sputa ricordi di gioventù vissuta tra quartieri popolari e circonvallazioni; che piange, ride, fuma e si lascia cullare dal bianco delle ciminiere; che affitta sei corde di chitarra acustica per farci star dentro poco più di vent’anni di vita. Quelli di Vasco Brondi, titolare del progetto Le luci della centrale elettrica, ma anche quelli di chiunque abbia trascorso la propria adolescenza in spazi aperti imbavagliati dal cemento, regolamentati dai parcheggi dei supermercati, illuminati a giorno dai fari degli impianti.

Si parte dai testi per capire il senso e l’immaginario di riferimento di queste Canzoni da spiaggia deturpata, si segue il ritmo delle parole, si urla e ci si ritrova a naufragare in una poetica che cita un Rino Gaetano libero dai vincoli della metrica, irrobustito, rinchiuso in un flusso di coscienza che se ne frega delle regole armoniche. E non solo di quelle. A dimostrazione, episodi da un paio di accordi ripetuti a oltranza, distorti, allentati talvolta da un elegante lavoro di produzione che stempera i toni più claustrofobici, capaci di mostrare una profondità inaspettata. Brani che vanno a comporre un’opera ambivalente, affascinante dal punto di vista letterario ma anche intransigente sul versante musicale, estremamente diretta ma al tempo stesso ostica nella sua semplicità, infinitamente punk – per lo meno nell’etica – e poco intenzionata a scendere a compromessi con i sostenitori della “bella canzone”. Un disco che vive di spaccati emotivi intensissimi come Per combattere l’acne, Lacrimogeni o La gigantesca scritta coop, che prende allo stomaco, che non passa inosservato, consegnando alla storia un autore di razza che tra sbuffi, incazzature e malumori ci ricorda il fascino sottile del neorealismo.

16 maggio 2008
Leggi tutto
Precedente
Sebadoh – Bubble And Scrape Sebadoh – Bubble And Scrape
Successivo
Dente – Le cose che contano Dente – Le cose che contano

album

artista

Altre notizie suggerite