• ott
    01
    2010

Album

La Tempesta Dischi

Add to Flipboard Magazine.

Saranno pure cattive, ma suonassero tutte come questi 11 pezzi, alle abitudini dei rinati Massimo Volume ci adatteremmo senza nessun problema. Sono passati ormai una decina d’anni da Club Privè e dalla colonna sonora di Almost Blue, ma non ce se ne accorge nemmeno: appena Cattive Abitudini comincia a girare a regime scatta il vortice spazio-temporale e i Massimo Volume di oggi solleticano il palato come i Massimo Volume di allora. Inutile cercare in questo disco innovazioni o svolte sconvolgenti: il ritorno più atteso del decennio vive delle solite, tese, vibranti canzoni da leggere che azzerano lo iato già dai primi incroci delle chitarre di Egle Sommacal e Stefano Pilia. Basta quello per essere catapultati all’indietro. Stanze, 1993. Almeno un paio di vite fa. Stessa emozione e stessa sorpresa.

La voce di Clementi è, al solito, un magnete che attanaglia subito l’ascoltatore con le sue storie di ritorni e solitudini, maestri neanche tanto nascosti e esistenzialismo (mai) spicciolo. E un rivolo d’autobiografismo collettivo nell’iniziale Robert Lowell, metà amaro, metà rassicurante, insieme ci commuove e ci angoscia. Per la forza di parole solo in apparenza semplici e il timore di vedere di nuovo svanire dalle mani questo gioiello di letteratura fatta musica. O viceversa. Perché di musica nei dischi dei bolognesi ce n’è sempre stata molta. E ora, non ce ne voglia il passato, ce n’è ancora di migliore. Se del ruolo di Mimì tocca giocoforza parlare in altri termini, i restanti tre sembrano un corpo unico, solido e maturo. Il drumming di una Vittoria Burattini mai sopra le righe ma perennemente attenta e puntuale; le chitarre dei compagni di mille reading, poi, sono forse la nota migliore, musicalmente parlando, del comeback. Dialoghi serrati o contrappunti lievi e impercettibili, elettricità o sottofondo, l’intarsio è sempre di grandissima classe.

Mai ci saremmo aspettati un ritorno del genere. Lo avevamo sperato, questo sì. Ma stavolta i quattro sono andati oltre ogni previsione rilasciando un album fresco e classico, che suona come i Massimo Volume che ci saremmo aspettati ma che ci stupisce ad ogni nota, ad ogni parola.

4 Ottobre 2010
Leggi tutto
Precedente
Anton Corbijn – The American Anton Corbijn – The American
Successivo
Fops – Yeth Yeth Yeth Fops – Yeth Yeth Yeth

album

artista

Altre notizie suggerite