• Apr
    01
    2016

Album

Sub Pop

Add to Flipboard Magazine.

Visti i trascorsi “contaminati” di Buzzo and friends e il nome del sodale che vi si accompagna in questo Three Men And A Baby, quanti di primo acchito avrebbero scommesso su Patton? Praticamente tutti. E invece no. Il Mike in questione è Mike Kunka, e al tempo di questa joint-venture militava in un gruppo chiamato godheadSilo – basso + batteria di matrice noise-rock – autore di un paio di ottimi dischi nei Novanta, e appena entrato in una pausa che si sarebbe rivelata, purtroppo, definitiva.

Sub Pop recupera questo lavoro ormai praticamente dimenticato anche dai protagonisti – che, per onor di cronaca, hanno rimesso mano alle registrazioni nel 2015 – e ci manda indietro di una ventina d’anni verso un suono grasso e rotondo, sporco ed enfatico, maleodorante e massimalista proprio come usava ai tempi del “grunge”. Soltanto che qui non c’è molta traccia di accondiscendenza “poppy” o retaggio sixties rivisitato in modalità slacker, anzi quasi per niente, visto che sono depravazione sonora e noise-rock truce e cazzone a farla da padroni. Non a caso a spalleggiare la storica accoppiata Buzzo/Crover a quell’altezza temporale c’era il basso/voce di Kevin Rutmanis dei Cows: come a dire, garanzia di follia e di insanità musicale.

La cover di Annalisa dei Public Image Ltd e il noise-rock pachidermico in midtempo di Read The Label sono gli estremi entro cui si muove questo Three Men And A Baby, contemplando follia generalizzata (lo scherzo Primus meets Melvins di Dead Canaries), sfacelo hc-grind sarcastico e scurrile (Brown Metal), aborti di un classic-rock rivisto alla maniera di Tad (Limited Teeth) e quant’altro possa uscire fuori dall’unione di personaggi così fuori di testa. Un divertissement per die-hard fan o nostalgici dei tempi che furono, ma con quel qualcosa che non lo fa mai scivolare verso la tappezzeria sonora.

19 Aprile 2016
Leggi tutto
Precedente
Gaetano Partipilo And The Contemporary Five – Daylight Gaetano Partipilo And The Contemporary Five – Daylight
Successivo
Laura Gibson – Empire Builder Laura Gibson – Empire Builder

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite