• Giu
    01
    2008

Album

Rough Trade

Add to Flipboard Magazine.

Come già abbiamo avuto modo di raccontare su queste pagine (SA#35),
quella di Jim James e dei suoi My Morning Jacket è una delle parabole
più affascinanti e significative dell’indie rock U.S. degli ultimi
anni. Un percorso iniziale in sordina, istintivo, quasi a tentoni, con
la sola guida di visioni rock, folk e country, e un’ideale epico e
salvifico della musica; poi con Z (2005),
l’album del definitivo breakthrough, qualcosa è cambiato. Non che
l’incantesimo si sia del tutto spezzato come taluni credono, ma c’è
stato un prezzo da pagare (la corsa verso miraggi pop-rock, ordinari e
gratificanti), risarcito comunque dallo stellare live Okonokos (2006).
Adesso, ringalluzzita e incoraggiata da un successo e una visibilità
sempre maggiori, la band di Louisville si diverte a guardar giù dalla
vetta, concedendosi i capricci e le indulgenze del caso, pur mantenendo
personalità, vigore e cromosomi.

Da un lato, quindi, apprezzabili
aperture soul cucite su misura dell’ugola di James (la title track, che pasticcia pure con southern rock e nebbie Ok Computer; Thank You Too, fra il Marvin Gaye più mieloso e il consueto afflato The Band; una Sec Walkin che rievoca malinconie fine ’70 alla Supertramp); scherzi di cattivo gusto come Highly Suspicious (un techno-funk parodistico allo stremo); azzeccate – quanto masticate – contaminazioni electro-wave-indie (Touch Me I’m Going To Scream pt 1 & 2, comunque eccellente). Dall’altro, ampi scorrazzamenti in un territorio dove sono padroni assoluti, dal Dylan rabbioso di metà ’70 di I’m Amazed al jangle-power-pop di Two Halves, dallo Springsteen di Aluminium Park all’hard di Remnants, fino alle ballad sopraffine Look At You e Librarians.

Insomma, Evil Urges è
l’album imperfetto, strabordante e caotico di un gruppo potenzialmente perfetto, coeso e indicibilmente affascinante (la prova sul palco, è
certo, deluderà difficilmente). Si prenda così come è, anche perché ciò che riesce a regalare – o anche solo a fare intravedere – è comunque merce rara di questi tempi.

 

6 Giugno 2008
Leggi tutto
Precedente
Young Knives – Superabundance Young Knives – Superabundance
Successivo
Numero 6 – Quando arriva la gente si sente meglio EP Numero 6 – Quando arriva la gente si sente meglio EP

album

artista

Altre notizie suggerite