• Ott
    01
    2012

Album

Universal

Add to Flipboard Magazine.

Sul Niccolò Fabi esordiente era difficile scommettere, tutto diviso tra bel faccino e divertissement, e non gli avremmo certo prefigurato una luminosa carriera. Invece eccoci al disco numero sette, a dire qualcosa che somiglia proprio a Ecco trovandoci di fronte al frutto di una naturalissima e pregevole evoluzione artistica. Impossibile, diciamolo subito, dimenticare il fatto privato, quello tragico che due anni fa portò Fabi drammaticamente su tutti i giornali (la morte della figlia): sarebbe ipocrita insomma valutare questo lavoro dimenticando quanto sia stretto il nodo per un autore tra la propria scrittura e fatti così essenziali della propria esistenza.

Fabi corre dritto per una strada che è il prosieguo del tutto coerente di Solo un uomo (2009) e dà vita a un lavoro maturo, dalla scrittura riflessiva, accurata e misurata. Testi introspettivi, a riflettere su un sé che si muove nel proprio tempo – il nostro – con tutte le riserve del caso. Ironico, sofferto, attento: questo è un Fabi che, ancora una volta, non vuole sedurre l'ascoltatore ma sedersi con lui e insieme a lui riflettere. A suo modo, Ecco non è un disco semplice, con questa forma narrativa che non esclude lo slancio pop ma in qualche modo, lo costringe a un rallentamento anche quando non sarebbe previsto (Indipendente, Le cose che non abbiamo detto).

Una buona prova insomma, radicata nelle origini di quella nuova scuola romana di cui Fabi è da sempre esponente e che vede al centro quel sound voce e chitarra a lui molto caro. Nota speciale per gli abiti: arrangiamenti curatissimi e un'ottima produzione. 

6 Novembre 2012
Leggi tutto
Precedente
Starred – Prison To Prison EP Starred – Prison To Prison EP
Successivo
Moro – Silent Revolution Moro – Silent Revolution

album

artista

Altre notizie suggerite