• Mar
    01
    2009

Album

Universal

Add to Flipboard Magazine.

Dopo le disavventure con la EMI gli Skiantos approdano alla Universal con questo disco (prodotto da due ultrafan mecenati) sperando finalmente in promozione e distribuzione più efficaci.

I temi e lo stile sono quelli consueti, per niente addolciti dall’approdo alla major: a partire dal titolo che, in un’epoca che si sente più in crisi delle altre, non perde tempo a prendersela con governi o teleimprenditori e si rivolge direttamente all’autorità somma.

Non c’è una title-track che approfondisca il titolo: la domanda nasce semplicemente dal consueto panorama di disagi tracciato dal gruppo, in particolare il senso di esclusione e inadeguatezza (Testa di pazzo, che apre il disco all’insegna di un rock blues che fluisce fresco e spontaneo rinforzato dall’hammond di Pippo Guarnera; gli ispirati virtuosismi verbali e poetici di Tu tremi, lentone anni ’50 sui vari tipi di tremori moderni -con tanto di sax anni ’50-visti-dagli-’80 dell’ex Charlie Molinella e mescolanza surreale finale; il torrido blues “filosofico” di Senza libretto di istruzioni) e l’emarginazione (le teorizzazioni antilavoriste di Una vita spesa a skivar la fresa, o il valzer surreale con inserti hard e twist e (im)morale conclusiva di Senza vergogna, col quale trovano anche il modo, loro emiliani, di dedicarsi per la prima volta al liscio).

Tutto classico, come detto, con un rock a metà tra la tradizione di Signore dei dischi e il crossover di Saluti da Cortina. Ma la penna funziona, e se Il razzista che c’è in me segue una classica formula Chili Peppers e Sensazione magica sconta un chorus debole, non mancano lampi lirici e momenti musicali che le riscattino; Merda d’artista poi, un testo già musicato in Ironikontemporaneo 2 e qui trasformato in un hard-funk di rara potenza, nonché l’inno punk di Odio il brodo – che ovviamente va oltre l’aspetto alimentare per prendersela con tutto – meritano davvero.

E poi vista la relativa diffusione dei dischi precedenti non è che il pubblico sia esattamente saturo del loro stile e dei loro temi: il disco perciò, oltre ad arricchire comunque un repertorio che non dorme sui ’70, può funzionare anche come compendio di poetica per nuovi adepti.

1 Marzo 2009
Leggi tutto
Precedente
A Psychedelic Guide To Monsterism Island A Psychedelic Guide To Monsterism Island
Successivo
Mirah – (a)spera Mirah – (a)spera

album

Skiantos

Dio ci deve delle spiegazioni*

artista

Altre notizie suggerite