• Gen
    01
    2003

Album

Domino

Add to Flipboard Magazine.

I brividi e gli scossoni che il debutto non voleva (o non riusciva
a) dare, erano stati evidentemente messi da parte per il secondo
lavoro, questo Pig Lib partorito e firmato assieme agli ormai fedeli Jicks, al secolo Joanna Bolme (basso, tastiere e cori), Mike Clarke (chitarre) e John Moen(batteria e cori). Malkmus non perde certo quell’aria un po’ svagata da
inguaribile giocherellone, ma orchestra le undici tracce del programma
abbozzando una calligrafia nitida e spigliata: accelera e infittisce la
trama, dissemina trovate e delinea coerenza, accende e smorza i toni
lasciando sempre sullo sfondo una mai tanto accentuata propensione
psichedelica, intendo proprio quella psych ruvida, rutilante e
intossicata che germogliò intorno alla cuspide sessanta-settanta.

Sentire per credere: Sheets,
con quel wah-wah flessuoso a rincorrere la melodia, la ritmica
suppurante ed il bridge allucinato; l’incedere ebbro e slittante di Witch Mountain Bridge su curioso ordito country rock in deriva bluesy, quella One Percent Of One in cui per nove minuti collidono fantasie speziate Jefferson Airplane ed il trip incandescente dei migliori Crazy Horse, oppure l’alto tasso di acidità – reverse e distorsioni quasi hendrixiane – della fin troppo quadrata (Do Not Feed) The Oyster.
E ci sono ancora, come no, gli angoli acuti, le trame spezzettate, il
caro vecchio lo fi post-poppettaro e crepitante (la stralunata
eversione dell’iniziale Water And A Seat, l’irresistibile svagatezza narrativa di Vanessa From Queens – come un Lou Reed tolti tre quintali di cinismo), quelle spiazzanti ballate col cuore arrotolato nei calzini (la filigrana asprigna di Ramp Of Death, l’understatement aggraziato di Craw Song).
Nel complesso, l’antica fragranza appare quasi del tutto recuperata,
così come il piglio noncurante e vagamente minaccioso: insomma, più o
meno quel che speravamo.

Certo, mancano vere e
proprie grandi canzoni, però la cura e la definizione, facciamo pure
l’amore per il manifestarsi del suono (l’uso disinvolto di organo e
synth – quei bordoni ipnotici e quelle cosmiche increspature – il
calore, la pienezza e la sottigliezza delle chitarre, l’intensità del
comparto ritmico), lasciano indovinare un cambiamento di prospettiva,
ovvero che la vis poetica di Stephen sia alfine pronta a manifestarsi
con tranquilla protervia, libera dai – anzi indifferente ai – gravosi
paragoni col passato, a quanto pare del tutto metabolizzati. Tutto ciò
non sarebbe pensabile senza una rinnovata fiducia nei mezzi propri e
nella band, non a caso idealmente ripagata nella conclusiva Us, zampettante esercizio WilcoBelle & Sebastiantra dolcetti anfetaminici, nebbioline pop e fugaci spirali kraut. Al
modo di meritati titoli di coda. Certezze, sì, destinate comunque ad
essere rimesse in gioco poco tempo dopo.

1 Marzo 2003
Leggi tutto
Precedente
Steve Wynn – Static Transmission Steve Wynn – Static Transmission
Successivo
Methel & Lord – Pai Nai Methel & Lord – Pai Nai

album

artista

Altre notizie suggerite