• ott
    01
    2011

Album

Specula Records

Add to Flipboard Magazine.

Split vinilico in formato sette pollici che il musicista di Pordenone condivide con JG Thirlwell, che documenta le performance dei due in quel del Festival di Santarcancelo 39. Nessuna pretesa, quindi, di presentare materiale particolarmente rifinito, ma la voglia di mostrare ancora una volta come il rapporto tra musica e spazi, tra ambiente reale e quello creato dai suoni sia sempre fecondo di suggestioni. Nel caso specifico Teho Teardo sfrutta i riverberi naturali di una grotta, "come se stessi sparando a un bersaglio", con il suono che tornava indietro modificato, amplificato dalla naturale cassa di risonanza. Un costante delicato equilibrio tra il controllo di un lavoro di progettazione sonora e l'imprevedibilità che le condizioni ambientali determinavano sul suono. Peccato che di tutta questa variabilità, il vinile riporti solo un estratto, a conferma della volontà documentativa del manufatto.

Lo stesso discorso si può fare per la facciata riempita dalla specifica "sound action" che J.G. Thirlwell ha immaginato e realizzato in un'altra grotta della cittadina romagnola. Al centro dello spazio circolare, l'australiano ha piazzato un tamburo sul quale cadono gocce d'acqua, mentre un luce bianca proietta sulle pareti del luogo i movimenti dell'acqua stessa. La matericità del suono manipolato e rimanipolato creato da Teardo si contrappone a un'aura mistica, rituale e atavica di Thirlwell. In entrambi i casi siamo di fronte a due sensibilità forti, capaci di fare proprio un luogo, facendosene contemporaneamente compenetrare.

6 Dicembre 2011
Leggi tutto
Precedente
Black Keys – El Camino Black Keys – El Camino
Successivo
Lanie Lane – To the horses Lanie Lane – To the horses

album

artista

artista

Altre notizie suggerite