• Apr
    01
    2011

Album

Fortuna Pop!

Add to Flipboard Magazine.

Bisogna ammetterlo. C’era una grossissima attesa per questo comeback e l’attesa, per una volta, viene pienamente ripagata. Belong propone il quartetto newyorchese al suo zenith, in grado di mostrare maturità e consapevolezza non solo dei propri mezzi ma anche del ruolo ormai assegnato al progetto Pains Of Being Pure At Heart nell’universo musicale odierno.

I quattro non si smuovono di un centimetro, ma la loro formula – rodata a dovere sui palchi di mezzo mondo e raffinata per mano di Flood (alla produzione) e Alan Moulder (al missaggio) – è semplicemente perfetta per equilibrio e cognizione. Belong offre twee-pop rumoroso e dreaming ai suoi massimi livelli, saturo, dolciastro, melodico e godibilissimo sia nei momenti più “irruenti” (The Body, Girl Of 1000 Dreams, Heart In Your Heartbreak), sia in quelli più tipicamente shoegazing e delicati (Anne With An E, Strange) e inanella gemme su gemme in grado di passare in heavy rotation nelle discoteche alternative così come rimanere intrappolate negli i-pod di un seguito sempre più nutrito e – perché no? – intergenerazionale.

Scozia e Inghilterra, 80s e 90s, college-rock e Velvet, Nuova Zelanda e C-86, Smiths e fratelli Reid, Washington fine ’80 e Williamsburg d’oggi. Nel sophomore dei quattro si mescola tutto in un andirivieni spazio-temporale che cattura dal primo ascolto e annienta le (eventuali) ultime difese. Un grande centro.

12 Marzo 2011
Leggi tutto
Precedente
Egyptrixx – Bible Eyes Egyptrixx – Bible Eyes
Successivo
Ed Askew – Imperfiction Ed Askew – Imperfiction

Altre notizie suggerite