• mar
    30
    2018

Album

Boring Machines

Add to Flipboard Magazine.

Ha sempre avuto un afflato cosmico, il progetto di Paolo Monti The Star Pillow, ma probabilmente, per via di un titolo evocativo e tremendamente affascinante per gli sci-fi addicted, mai come in questa sinfonia astrale si è mostrato così in grado di creare mondi e dimensioni parallele. Già la struttura stessa dell’album – tre sole tracce di cui due, in apertura (My Dear Elohim) e chiusura (From Dust To Stars) molto lunghe, e un “intermezzo” dalla durata umana (An Interstellar Handshake) – inquadra la dimensione “altra” che The Star Pillow intende dare a questo disco. Una dimensione che ama indagare i tempi lunghi se non lunghissimi, come lunghi se non lunghissimi sono i tempi cosmici, quelli dei viaggi interplanetari, quelli che molta fantascienza del passato (dalla velocità di curvatura di Star Trek) o più recente (le indagini sulla multidimensionalità dei wormhole da Nolan in poi) hanno sempre individuato come mix tra la naturale propensione all’avventura oltre i propri limiti dell’essere umano e quella quasi fisiologica necessità di trovare altre forme di vita in quell’“out there” altrimenti inspiegabile.

Ecco, The Star Pillow riesce a trasfondere su pentagramma tutta la gamma di sensazioni ed emozioni che si può provare, anzi, che si può “intuire” di provare in una distesa di vuoto e oscurità, mentre si è però protesi all’ascolto e alla ricerca di un contatto: drones di chitarra che si distendono gli uni sugli altri creando via via strutture sempre più ipnotiche e, scusate la banalità, alienanti; senza mai scivolare nel minaccioso o nell’oscuro, le tre suite fanno aleggiare sull’intero disco un senso di pacificazione e di apertura verso le profondità del cosmo che è insieme invidiabile ed evocatore. Centro (non di gravità, ovviamente) perfetto per un disco da ascoltare a occhi chiusi per connettersi con la fratellanza più sconosciuta e lontana.

24 Luglio 2018
Leggi tutto
Precedente
Calcutta, Stadio Francioni, Latina, 21 luglio
Successivo
Al Doum & The Faryds – Spirit Rejoin

album

recensione

artista

Altre notizie suggerite