• lug
    13
    2013

Album

Marmo

Add to Flipboard Magazine.

Il taglio è di quelli belli sperimentali – in bilico tra contemporanea, free, avanguardia, musica concreta e un pizzico di jazz -, come del resto la strumentazione: Martin Hopkins si occupa di tapes, dubs ed effetti, Niccolò Rufo è all’SP303, Raffaele Amenta si destreggia col clarinetto; poi ci sono Matteo Tagliavini (fondatore della Marmo, etichetta responsabile della pubblicazione) e Herve Atsé Corti ai synth modulari. Insieme formano i Tru West, collettivo nato un anno fa su alcuni sample “rippati” di vinili.

Il gioco iniziale si trasforma in un suono improvvisato, atemporale e per nulla spaventato da eventuali contributi strumentali non convenzionali (la band è una sorta di cantiere aperto), in bilico tra modernità e anticaglie, destrutturazione e artigianato nostalgico. Portato che si esplicita nella concezione (quasi filosofica) di una musica minimale, ripetitiva, ma al tempo stesso free, soprattutto in certe soluzioni strumentali in cui la manipolazione umana diventa parte fondante del flusso sonoro. L’operare dei musicisti è contingente e analogico almeno quanto le macchine coinvolte nel processo, ma anche il ruolo richiesto a chi approccia l’LP The Dowc Part 1 ha a che fare con una soggettività attiva. L’ascoltatore viene chiamato in causa, ad esempio, da una The Decline Of Western Civilization in cui una modifica fisica al vinile trasforma l’ultima parte della traccia in un loop infinito, lasciando all’utente il compito di sancire la fine del brano.

Tre tracce in tutto (oltre a quella citata, ci sono il friggere free jazz di It Looks Like Plastic e il drone spacey/industrial di This Is The True West) e un lato B affidato a un remix dei primi due episodi del lato A ad opera di un DJ Sotofett che riporta tutto a un tribalismo da giungla quasi sciamanico. Per un lavoro che vorrebbe sancire il declino delle tradizioni musicali occidentali, tendendo nel contempo verso qualcosa di ancora sconosciuto, oltre i generi. Obiettivo raggiunto, a quanto pare.

11 dicembre 2013
Leggi tutto
Precedente
Soundgarden – Screaming Life Soundgarden – Screaming Life
Successivo
InSonar: L’Enfant et le Ménure InSonar: L’Enfant et le Ménure

album

artista

Altre notizie suggerite