• ott
    06
    2017

Album

Editions Mego

Add to Flipboard Magazine.

UUUU ovvero del supergruppo e del senso che al tempo della musica liquida questo può avere. Risposta: magari averne di più di progetti come questo che, sotto la cappella illuminata della Editions Mego, vede protagonisti Edvard Graham Lewis, Matthew Simms, Valentina Magaletti e Thighpaulsandra. Come dire un frullato misto di storica wave, industrial esoterico, noise-wave made in “annizero” disseminato lungo decenni tra Wire, Coil, Tomaga. Roba che prende molto dai rispettivi gruppi di appartenenza, unisce il “passato”, ovvero la storia di certa wave chitarristica nelle sue trame più off e virate industrial, con il “nuovo”, ovvero l’atteggiamento e il rinnovamento che alcuni musicisti e alcune band stanno tentando di portare avanti sul corpo morto di quel rock acido, (di nuovo) post-industriale, tribale al limite del sauvage e che molte suggestioni ha evocato e molte traiettorie continua a fomentare.

In soldoni, brani lunghi e molto lunghi in cui droni e chitarre (il Wire-pensiero sfatto e dilatato dopo una immersione in un brodo primordiale di Boots With Wings), sfasamenti e sfilacciamenti (le lunghe decomposizioni di Partial Response Takes Another Form, sinusoidali e misteriche, che lasciano emergere melodie aliene), stasi e sommovimento (la sospensione malata di The Princess Anne Love Cassette fa da contraltare alla liquida psichedelia post-kraut e in decomposizione di Verlagerung, Verlagerung) si fanno corpo unico, modalità elaborativa e procedurale prima ancora che mera resa musicale. Il moloch di Five Gates, coi suoi 16 e passa minuti, è una sorta di summa del pensiero targato UUUU, partendo dalla materia “rock” (latamente kraut-wave, in verità) e via via sfaldando il tutto quasi in modalità ThisHeatiane, sottraendo in continuazione suoni e suggestioni fino a raggiungere quasi la stasi, per poi ripartire verso “the dark side of the mind” e infine giungere alla catarsi finale.

UUUU è dunque un ottimo esempio di commistione sonora, avant-rock nel senso ultimo del termine, percorso obliquo tra le macerie di suoni più che storicizzati che però assumono nuove, eccitanti, esoteriche forme.

5 Ottobre 2017
Leggi tutto
Precedente
Greg Fox – The Gradual Progression Greg Fox – The Gradual Progression
Successivo
Vessels – The Great Distraction Vessels – The Great Distraction

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite