• Nov
    02
    2018

Album

Def Jam Recordings

Add to Flipboard Magazine.

Il nuovo progetto di Vince Staples prosegue sulla via della sperimentazione di format che sembra essere una costante nella sua produzione: 11 tracce per 22 minuti di durata, non si capisce bene cosa sia (playlist, mini-album, mixtape, EP lungo, boh) ma va bene così. Il concept alle spalle, come il titolo suggerisce, è un omaggio alle stazioni radio come creatrici di identità musicali da attribuire alla città che le ospita: in questo senso FM! è ben radicato in quella Long Beach da sempre teatro di tutti i racconti di Staples (vedi anche il bel video girato in street View di Google Maps per FUN!). 

Rispetto al più trasversalmente osannato Lamar, Staples è meno Messia e più anti-eroe; il suo è una sorta di leopardiano pessimismo cosmico declinato attraverso una narrazione urbana in chiaroscuro. E se ad oggi sembra molto difficile che Vince possa un giorno diventare il curatore della soundtrack di un blockbuster fumettoso o vincere il Pulitzer, in molti (e a ragione) lo vedono come una penna – e un interprete – senza granché da invidiare nemmeno allo stesso Kendrick. Il tratto più esaltante di questo nuovo progetto, al di là degli skit e dei teaser che inframmezzano la scaletta, è proprio l’incontro tra l’oscurità da sempre sottesa alla sua musica e questa estetica più radiofonica da palinsesto di heavy-rotation.

Tante delle tracce di FM! sono quanto di più catchy e orecchiabile Staples abbia mai licenziato, con ritornelli anthemici e strofe ballabilissime. Lungi però dallo scadere in una concessione alla commercialata che sarebbe risultata piuttosto incoerente: la cattiveria resta prepotente e la patina dark è più evidente che mai, tra storie di vita condite da omicidi e violenze varie (con i consueti trolling post-ironici) e beat di matrice west-coast virati in una chiave veramente eerie da sample e sintetizzatori spettrali. Dalle banger più assassine (FUN, erede di Norf Norf) ai pezzi più storti (Relay, fantastica), quella di Staples è una ricetta che di base resta sempre la stessa, ma nondimeno continua a esaltare. Ancora una volta tra le migliori cose dell’anno.

7 Novembre 2018
Leggi tutto
Precedente
An Early Bird – Of Ghosts And Marvels
Successivo
The Prodigy – No Tourists

album

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite