• feb
    01
    2012

Album

Bella Union

Add to Flipboard Magazine.

Dopo dieci anni sappiamo bene cosa vuol dire essere Xiu Xiu. Significa legare per sempre la propria vita alle storie di sofferenza altrui, ma anche dare conforto; creare un legame viscerale e vitalistico con il proprio dolore veicolandolo in una wave lacerata e emozionale; scorticare le strutture del pop davanti a una trinità di noise, lo-fi e 8bit.

Dopo le ombre e le perplessità suscitate da Dear God I Hate Myself, Always festeggia il decennale con un titolo che meglio non avrebbe potuto rappresentare l’autentica missione del progetto e del suo ideatore. Essere Xiu Xiu è lo statement finale, può suonare come una condanna o una liberazione, ma se ti chiami Jamie Stewart, l’angoscia è da sempre la tua forza: quella di un disco che non si limita all’urgenza lirica o alla narcisistica promessa di non lasciare da solo chi è in pena.

Seppur con una line-up rinnovata e ora composta da Jamie e Angela Seo più Bettina Escauriza, Marc Riordan e il rientrato Devin Hoff, l’impianto è ancora quello di Woman As Lovers, con una band a dominare la scena: l’ora quintetto concede pochissimo alle rotondità melodiche (Smear The Queen), colpisce i propri bersagli attraverso dialoghi elettronici e acustici in collasso e in ricomposizione continua. Ogni brano trova i propri equilibri nella consueta instabilità emotiva e in una varietà di formati: il pop-wave (Hi, Born To Suffer, Joey’s Song, Beauty Towne, Gul Mudin), l’industrial ebm a picco (I Love Abortion), il leider radioheadiano (The Oldness), la narrativa avant-folk (Chimney’s Afire, Factory Girl) o le varianti chamber (Black Drum Machine).
Il tatuaggio della copertiana è come la bruciatura di sigaretta dei Germs. Così Xiu Xiu è (e sarà) per sempre.

7 Febbraio 2012
Leggi tutto
Precedente
Drake – Take Care Drake – Take Care
Successivo
Edipo – Bacio Battaglia Edipo – Bacio Battaglia

album

artista

Altre notizie suggerite