• apr
    16
    2016

Compilation

Polyvinyl Records, Bella Union

Add to Flipboard Magazine.

L’anno scorso, in occasione del 25esimo anniversario della serie cult Twin Peaks, la Queensland Art Gallry of Modern Art di Brisbane, in Australia, ha proposto al regista David Lynch di realizzare una grande retrospettiva dei suoi 50 anni di onorata carriera da artista a tutto tondo. A questo proposito, il museo aveva contattato un musicista sperimentale, notoriamente ossessionato dalla serie e dalla colonna sonora composta da Lynch e Angelo Badalamenti. Il musicista in questione era Jamie Stewart dei Xiu Xiu, che dopo aver ovviamente accettato l’invito, ha addirittura deciso che sarebbe stata la prova generale di un tour tra Europa e America, al fianco di Angela Seo e Shayna Dunkelman. Dato il successo raccolto dalle loro performance dal vivo, i tre hanno poi registrato un intero album di cover della celeberrima colonna sonora, pubblicato ad aprile del 2016.

Più che semplici rivisitazioni, le tracce di Xiu Xiu Plays The Music of Twin Peaks sembrano rispettose ipotesi di come sarebbero risultate le composizioni di Angelo Badalamenti se quest’ultimo avesse avuto a sua disposizione le odierne tecnologie audio. In altre parole, il gruppo ha semplicemente aggiunto un’ulteriore strato di mistero e angoscia al genio del compositore, con piccoli accorgimenti e minimi cambiamenti che non vanno a stravolgere, ma al contrario evidenziano ulteriormente l’impeccabile semplicitià gotica della colonna sonora. Entrando nel particolare, il synth iniziale di Laura Palmer’s Theme è stato sostituito con il suono martellante di tom e cassa e sottolineato dalle note del pianoforte con leggeri contrappunti di vibrafono, mentre in sottofondo sono stati aggunti i rumori sinistri emessi da una serie di bacchettate sulle meccaniche della batteria e dalle spazzole premute sui tamburi. In due delle uniche tre tracce cantate dell’album, Into The Night e Falling, il suono è stato reso più distorto, acido, e privato della dolcezza caratteristica delle versioni originali cantate da Julee Cruise, con l’utilizzo massiccio di synth e distorsioni e la voce di Stewart che ondeggia tra acuti striduli e bassi baritonali. In Sycamore Tree, invece, il musicista ha provato a ricreare la struggente interpretazione di Jimmy Scott per poi darle una nuova forma, reiterando il testo scritto da Lynch e mettendolo al servizio del pianoforte e della batteria, il tutto ricoperto da un effetto overdrive che conferisce alla canzone un’aura ancora più spiritata. Al solo jazz di vibrafono di Packard’s Vibration è stato aggiunto un crescendo di synth e chitarre distorte, mentre il vento della notte di Nightsea Wind, una delle tracce scartate dalla colonna sonora originale di Badalamenti, è stato reso ancora più bruciante, lungo e doloroso. Il mash-up Blue Frank – Pink Room è forse il brano più in stile Xiu Xiu di tutto l’album, un’improvvisazione su un giro di blues che si conclude in un vortice psichedelico, mentre Dance of the Dream Man e Love Theme Farewell sono le uniche tracce su cui il gruppo ha lavorato per sottrazione, eliminando qualsiasi elemento melodico per darsi allo stravolgimento più totale. Difficile, invece, ascoltare per intero il brano conclusivo, Josie’s Past, in cui Angela Seo legge alcuni estratti dal diario segreto di Laura Palmer per quasi otto minuti di durata, e la sua voce ha un effetto che la rende simile ad un’intercettazione molesta.

Sia che lo si consideri semplicemente come un album degli Xiu Xiu, sia che lo si veda solo come un tributo ad Angelo Badalamenti e David Lynch, questo disco è un lavoro certosino fatto di sperimentazioni sonore, rispettoso e rispettabile, che anche senza alcun supporto visivo riesce a infondere una forte inquietudine. Chissà che gli allievi Xiu Xiu non abbiano dato uno spunto al maestro Badalamenti per la stesura della colonna sonora del sequel di Twin Peaks in uscita nel 2017!

17 giugno 2016
Leggi tutto
Precedente
Red Hot Chili Peppers – The Getaway Red Hot Chili Peppers – The Getaway
Successivo
Digitalism – Mirage Digitalism – Mirage

album

Plays the Music of Twin Peaks

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

Altre notizie suggerite