• Mar
    16
    2018

Album

Matador

Add to Flipboard Magazine.

Non ha certo bisogno di particolari presentazioni lo storico trio ascrivibile alla voce Yo La Tengo e composto da Ira Kaplan, Georgia Hubley e James McNew. Un’idea di suono più che una semplice band, giunta a tagliare quasi il traguardo dei trentacinque anni di attività. Un tempo lungo, dilatato e riempito da pietre miliari che hanno consentito all’ensemble indie-rock statunitense di assurgere a band di culto pur concedendosi parentesi meno lucide e, se volete, convincenti, come le lungaggini e i troppi giri a vuoto avvertiti in dischi come Popular Songs e I’m Not Afraid Of You… giusto per citarne un paio.

A cinque anni di distanza da Fade, Kaplan e soci tornano con un disco che ha come riferimento quell’opera (omonima) vorticosa e spregiudicata a firma Sly & The Family Stone, There’s a Riot Going On (1971). Ma cosa c’entra l’oscuro funk degli Sly con la nuova prova dei Yo La Tengo? Assolutamente nulla, è questa la notizia che ovviamente non fa notizia. Chi si aspettava di scuotere i fianchi una volta schiacciato il tasto play dovrà ricredersi. I riferimenti ci sono, ma restano tematici. I due dischi hanno infatti in comune quella incontrovertibile voglia di ribellarsi e combattere dall’interno un periodo storico in cui è difficile riconoscersi, pur trattandosi di spinte e momenti storici asimmetrici, e qui metabolizzati con sonorità differenti e risvolti stilistici completamente opposti. Da una parte gli orrori del conflitto vietnamita, dall’altra l’America che sogna di diventare «great again» sotto la guida di un Donald Trump che – nell’ultimo biennio – ha nuovamente infiammato il dibattito sul ruolo degli Stati Uniti e del mondo occidentale nella politica internazionale.

Il terzetto originario di Hoboken non si è tirato indietro e ha provato a suo modo ad opporsi alla «confusione e a all’ansia di quest’epoca». Niente chitarre arrembanti, di quelle sentite in gemme come May I Sing with Me, ma una produzione che viene fuori di soppiatto, scissa tra ritmi sognanti (Dream Dream Away) e sonnambule ballate (Let’s Do it Wrong). Un canovaccio tipizzato, rodato e che i Nostri sono abili ad imbastire per la gioia di nostalgici di un certo modo di “fare” indie-rock: colori tenui, basse frequenze e sonorità che prendono alla gola più che ai fianchi (l’ottima For You Too), concedendo spazi a sperimentalismi in salsa ambient (Shortwave) o in chiave bossa nova in Polynesia e Esportes Casual, fino ad episodi meno godibili come Out of the Pool. Tutto si muove su un filo sottilissimo ed appena avvertibile: è musica liquida, trasformista, con tracce che – nello sviscerare la scaletta – sembrano essere estremamente distanti l’una dall’altra. Nonostante i molti cali di tensione, però, questo degli Yo La Tengo non è un disco arreso ed è come se volessero urlare sommessamente «C’è una rivolta in corso e combattiamo con le uniche armi che conosciamo e siamo in grado di maneggiare: la musica ed un’accentuata emotività». Un disco lontano dai vecchi fasti della band ma comunque un ottimo modo per farci sentire ancora la loro rassicurante presenza.

16 Marzo 2018
Leggi tutto
Precedente
Kraus – Path
Successivo
XXXTENTACION – ? XXXTENTACION – ?

recensione

Sly & The Family Stone

There’s A Riot Goin’ On

artista

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

Yo La Tengo

Yo La Tengo – There’s a Riot Going On

Altre notizie suggerite