What We’ve Lost #7: Free House Acid & Mal d’Africa

In questa settima puntata di What We’ve Lost torniamo ad occuparci di label indipendenti italiane. Protagonista è What Ever Not, etichetta salentina di elettronica fondata dai due veterani Dan Mela e Dodi Palese, che spazia equamente dall’acid house alla techno, fino a toccare sonorità funk e dub e suggestioni tribali e afrofuturiste. Dell’ampio catalogo della label (arrivato ora a quota dieci uscite), che predilige il formato in vinile e comprende artisti sia nazionale che internazionali, presentiamo oggi tre pubblicazioni – una per anno, negli ultimi tre anni. Come sempre trovate per ognuna un brano in ascolto tra i più rappresentativi.

XXXV Gold Fingers & Man DelaGalegos Bar / The Ritual EP (2016)

La decima release di What Ever Not è firmata a quattro mani dal co-fondatore dell’etichetta Dan Mela (che inaugura qui il nuovo moniker Man Dela) e Marco Erroi (che si firma XXXV Gold Fingers). Lo split album mostra due differenti facce di una medesima moneta, un etno-africanismo rituale e tribale di cui la metà affidata ad Erroi evidenzia la componente più solare e gioiosa, mentre The Ritual di Man Dela – come da titolo – ne affronta l’anima più oscura e primitivista.

Dodi PaleseChemtrails EP (2015)

Chemtrails EP di Dodi Palese, co-fondatore di What Ever Not, è un affascinante tour tra suggestioni plurime: dagli irregolari patterns ritmici dell’opener Chemtrails (remixata nella traccia successiva dall’americano D’Marc Cantu) all’acid dub di Barium e Storm, con quest’ultima a lambire anche lidi techno-house per poi venire rallentata nel bel remix dell’italiano Chevel di Stroboscopic Artefacts. Potete ascoltare l’intero EP in streaming qui.

Snuff CrewLove Hurts EP (2014)

Il duo berlinese Snuff Crew è attivo dal 2000, ha firmato negli anni diverse collaborazioni con nomi altisonanti (uno su tutti Dj Hell, con una release per la sua label International Deejay Gigolo) e gestisce in parallelo una propria etichetta denominata Snuff Trax. Questo Love Hurts EP uscito nel 2014 contiene 4 tracce tra acid house (gli ariosi synth della title track, la più tirata e ballabile Bye Bye) e qualche occasionale incursione in territori acid techno (Hunters). Potete ascoltare l’intero EP in streaming qui.

21 Luglio 2016
21 Luglio 2016
Leggi tutto
Precedente
Suicide & nihilism. Un addio a Alan Vega Alan Vega - Suicide & nihilism. Un addio a Alan Vega
Successivo
Manda un’e-mail e Powell ti risponderà Powell - Manda un’e-mail e Powell ti risponderà

etichetta

articolo

What We’ve Lost #1: fantasmi lo-fi dal sottosuolo

Articolo

Prima puntata della nuova rubrica dedicata a etichette e artisti indipendenti, con tre pubblicazioni della label underground friulana Ghost ...

articolo

What We’ve Lost #2: oscuri viaggi interstellari

Articolo

Protagonisti della seconda puntata della rubrica dedicata a rarità indipendenti e underground sono tre dischi dell'etichetta austriaca Inte...

articolo

What We’ve Lost #3: in bici sulla strada della perdizione

Articolo

Protagoniste della terza puntata della rubrica dedicata alle realtà discografiche indipendenti sono tre valide uscite dell'etichetta italo-...

articolo

What We’ve Lost #4: una montagna di neve (tienila all’ombra)

Articolo

Quarta puntata della nostra rubrica dedicata alle realtà indipendenti (soprattutto) italiane, oggi con tre dischi dal catalogo Sherpa Recor...

articolo

What We’ve Lost #5: music from Out-ER space

Articolo

Torna la rubrica dedicata alle label indipendenti con focus sull'etichetta elettronica Out Electronic Recordings.

articolo

What We’ve Lost #6 – Shadows of the Sun

Articolo

La nuova puntata di What We've Lost presenta tre uscite elettroniche italiane del mese di giugno da scoprire, tra elettro-acustica ambiental...

Altre notizie suggerite