Shepherd In A Sheepskin Vest
Giu
14
2019

Bill Callahan

Shepherd In A Sheepskin Vest

Drag City

CantautoriRockFolk
Precedente
The Anatomy Of Light Sly Horizon - The Anatomy Of Light
Successivo
Flashback Fujiya & Miyagi - Flashback

Info

Dopo sei anni di silenzio torna Bill Callahan, noto ai più per il suo moniker Smog, con cui ha smesso di esibirsi e di pubblicare dal 2007 in poi. Il nuovo album segue Dream River (che in sede di recensione avevamo definito «un disco piacevole, senza pretese, in cui la natura diventa teatro di sfogo delle pressioni della vita e l’uomo torna, in otto episodi, a far parte della terra che l’ha generato»), viene pubblicato su Drag City il 14 giugno 2019 e presenta ben venti pezzi inediti.

Una particolarità è la durata dei brani: sono tutti infatti molto brevi (in media poco più di due minuti, a parte qualche eccezione che comunque non supera i quattro minuti e mezzo). Le sonorità si collocano comunque nel solco della tradizione underground folk rock di cui Callahan è da sempre uno degli esponenti più interessanti. Spoken word melodici che ricordano Nick Drake (Sheperd’s Welcome), chitarre steel per ballad intimiste (Black Dog On The Beach, Lonesome Valley), voce calda da ascoltare davanti al camino con qualche minimo accenno di elettronica (The Ballad Of The Hulk), e molti altri brevi quadri che raccontano storie semplici e malinconiche.

Ad anticiparlo, la condivisione di 6 brani – tutti distribuiti via Spotify nello stesso giorno tra cui The Ballad of the Hulk e Morning Is My Godmother. Li potete ascoltare nel widget presente nella pagina.

di Marco Braggion

Altre notizie suggerite