Album

Brood Ma

Brood Ma, Daze

19 Febbraio 2016 elettronica

In uscita il 19 febbraio 2016, Daze è l’album di debutto su Tri Angle di James B. Stringer in arte Brood Ma, un nuovo lavoro che si inserisce nel filone distopico/bellico post-rave già battuto da M.E.S.H, Rabit, ma anche da un più ampio cerchio di cangianti elettroniche esplorative, slegate da facili appigli alla techno, al grime come all’hip-hop, eppure ancora riconoscibilmente legate ad esse (vedi anche Lotic e Angel-Ho). Abbinato all’ascolto del disco, il producer londinese ha costruito, all’interno del proprio sito, una cartografia in stile google maps con la quale è possibile navigare visivamente il mondo apparecchiato a livello musicale. Navigando la cartina l’utente può visitare arcani simboli incastonati in oggetti digitali, buchi neri e accedere a post simil social network, video e molto altro ancora. Il lavoro è pensato per l’immersione in una realtà virtuale e si presenta pertanto naturalmente multimediale. Secondo il suo autore è letteralmente un documentario e una critica dell’ossessione per i giochi di sopravvivenza («A documentary of the military engagements played out amongst adults and children across worldwide server space and an attempted critique of the current obsession with survival playtime, played out through politically prosed pop references and narratives of fictional, future juvenilia»)

Il mix di beat post-rave e frastagliati campionamenti in alta definizione già incontrato nel Platform di Holly Herndon, e poi in quelli di Rabit e M.E.S.H, trova qui molteplici punti di contatto sia con la parte più massiva della produzione Hemlock di Untold, etichetta per la quale è uscito peraltro il precedente album P O P U L O U S, sia con l’immaginario cybergotico evocato dal producer di Communion. In particolare, se il paragone ideale dei quarti mondi costruiti da Eric Burton era con il futuro dominato dalla Skynet di Terminator, da queste parti è la trilogia dello Sprawl (peraltro di recente oggetto di un omonimo progetto da parte del trio Shapednoise, Mumdance e Logos), la saga Ghost In The Shell e qualcosa del Cronenberg di eXistenZ, il corollario letterario e cinematografico d’accompagnamento alle musiche di Daze.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota

I più ascoltati