Sorrow. A Reimagining Of Gorecki’s 3rd Symphony
apr
08
2016

Colin Stetson

Sorrow. A Reimagining Of Gorecki’s 3rd Symphony

52Hz

AvantClassica
array(0) { }
  • I
  • II
  • III
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Precedente
Side Pony Lake Street Dive - Side Pony
Successivo
Junkyard The Birthday Party - Junkyard

Info

In uscita l’8 aprile 2016, Sorrow è l’album di Colin Stetson successore di New History Warfare Vol. 3 e dell’album collaborativo assieme a Sarah Neufeld (Never Were the Way She Was). Il disco, che si è avvalso della collaborazione di Greg Fox (Liturgy) e ancora della Neufeld, rappresenta una reinterpretazione della terza sinfonia di Henryk Gorecki.

«A tutti noi capitano momenti in cui veniamo in contatto con un brano musicale che ci cambia, ebbene, questo fu uno di quei momenti per me», ha dichiarato Colin Stetson. «Negli anni ho ascoltato questo disco innumerevoli volte, sempre determinato ad assorbire ogni istante di esso e a conoscerlo sempre più a fondo. Questo grande interesse nei confronti dell’opera mi ha convinto a rielaborarlo personalmente. L’idea di fondo è semplice e fedele alla versione originale. Non ho modificato la notazione, ma piuttosto ho sostituito gli strumenti originali, sostituendoli con legni, sintetizzatori e chitarre elettriche, mentre ho conservato alcuni strumenti dell’orchestra, come una piccola sezione di violini e violoncelli guidata da importanti musiciste canadesi come Sarah Neufeld (Arcade Fire, Bell Orchestre) e Rebecca Foon (Saltland, Esmerine). Il mio è stato un approccio additivo, nel senso che ho immaginato certi suoni o certe parti, sebbene non presenti nell’originale, che erano per me come una sorta di estensioni del nucleo emozionale della sinfonia. Per esempio, ho arricchito la strumentazione aggiungendo la batteria, che ha un suono più incisivo rispetto a quello delle altre mie aggiunte sonore, timbriche e musicali di cui ho parlato prima. La batteria è suonata in modo impeccabile dal batterista e percussionista newyorkese Greg Fox (Liturgy, Guardian Alien, Z’s). In questo lavoro è racchiusa tutta la mia formazione e passione per i concerti di musica classica. Gli arrangiamenti dell’opera si trasformano passando dal mondo del black metal a quello della musica elettronica, fino ad arrivare alle parti di sassofono. Il risultato è un omaggio totale e sentito alla terza sinfonia di Henryk, sebbene sia stato filtrato attraverso la lente del mio particolare gusto e del mio background musicale».

Di seguito un trailer e l’audio di un estratto dei brani I, II III.

di Edoardo Bridda

Widget

Altre notizie suggerite