Violator
mar
19
1990

Depeche Mode

Violator

Mute

Synthpop
Precedente
Songs of Faith and Devotion Depeche Mode - Songs of Faith and Devotion
Successivo
Music for the Masses Depeche Mode - Music for the Masses

Info

Pubblicato il 19 marzo 1990, Violator è il settimo disco dei Depeche Mode nonché l’album che ha lanciato definitivamente la band nel firmamento delle rockstar internazionali grazie ai singoli World In My Eyes, Personal Jesus, Policy Of Truth e Enjoy The Silence.

Registrato perlopiù a Milano ma anche a New York, Londra ed infine Gjerlev, un piccolo paese della Danimarca dove sono terminate le registrazioni (e svolto il mixaggio), il disco, co-prodotto dalla stessa formazione e da Flood, è stato il più grande successo commerciale dei Depeche Mode oltre a venir acclamato come uno dei migliori album degli anni 90.

«Violator ha rappresentato l’apice del divertimento. Il periodo in cui noi quattro ci siamo divertiti di più», afferma Martin Gore a RS ricordando il disco nel giorno del suo venticinquesimo anniversario. «Non ho idea di come siamo riusciti a completarlo eravamo fuori quasi tutte le notti». Flood, riporta Steve Malins nel libro Black Celebration, riferisce invece che la band non concluse granché nel capolougo lombardo salvo registrare Personal Jesus, brano che sarà fondamentale nell’economia del lavoro il cui grosso sarà completato a Gjerlev.

Oltre al motto «work hard party hard» che ne ha caratterizzato la lavorazione, una delle chiavi del successo di Violator è legata allo stravolgimento del metodo compositivo. Durante le session, il lavoro di pre-produzione è stato ridotto al minimo con la band ad assumere un accordo tacito che prevedeva un iniziale brainstorming, una successiva elaborazione che non includeva il coinvolgimento di Gore e Fletcher e un completamento finale con la formazione di nuovo riunita. All’interno del nuovo processo anche le canzoni di Martin Gore sono entrate nel flusso delle session non del tutto finite con la band a prendere parte attiva nel loro completamento (emblematico il caso di Enjoy the Silence inizialmente pensata come una ballad e successivamente trasformata in un brano più energico).

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite