Kitchen Sink
Giu
05
2020

Nadine Shah

Kitchen Sink

Infectious

RockIndiePost-punkFolk
array(0) { }
  • Club Cougar
  • Ladies For Babies (Goats For Love)
  • Buckfast
  • Dillydally
  • Trad
  • Kitchen Sink
  • Kite
  • Ukrainian Wine
  • Wasps Nest
  • Walk
  • Prayer Mat
  •  
Precedente
Built To Spill Play The Songs Of Daniel Johnston Built To Spill - Built To Spill Play The Songs Of Daniel Johnston
Successivo
The Prettiest Curse Hinds - The Prettiest Curse

Info

Il 5 giugno 2020 esce su Infectious Music il quarto album di Nadine Shah, Kitchen Sink, a tre anni dal precedente Holiday Destination (2017). Fil rouge di quest’ultimo lavoro in studio è la storia personale della cantautrice britannica, una donna di trent’anni che ogni giorno affronta le pressioni e le aspettative della società in cui vive. Ma il racconto si estende anche a tutte le altre donne che ha incontrato lungo il proprio percorso e con cui ha intrattenuto un dialogo sulle problematiche più varie ma ricorrenti; il risultato è l’aver riconosciuto l’esistenza di una similitudine nelle diversità.

«È come se il nostro tempo per avere dei figli stesse per scadere, quindi avvertiamo una sorta di panico – spiega Shah nella nota stampa – È come se da giovani avessimo programmato di fare certe cose ad una certa età. Se quando avevo 14 anni mi avessero detto che sarei arrivata ai 34 senza marito né figli non ci avrei mai creduto. E molte delle mie amiche con cui ho parlato hanno fatto la stessa cosa. […]  Ho scritto di tante donne che adoro. Le neo-mamme, le rockstar, quelle che dubitano di loro stesse e che hanno bisogno del nostro supporto, quelle che stanno male ma mostrano una forza incredibile. Ci sono tradizioni che si tramandavano da anni e ci imponevano modelli di vita, ma le cose stanno decisamente cambiando e sono orgogliosa di essere donna e di essere circondata da altre donne potentissime».

Ad anticipare Kitchen Link è stato scelto il singolo Ladies for Babies (Goats for Love), il cui videoclip è stato diretto da Matt Cummins. Su SA potete leggere la recensione entusiasta di Holyday Destination, firmata dalla nostra Beatrice Pagni.

di Nicola Rakdej

Altre notizie suggerite