Laurel Halo – Dj Kicks
Mar
22
2019

Laurel Halo

Laurel Halo – Dj Kicks

!K7

Elettronica
Precedente
Suffer On Wicca Phase Springs Eternal - Suffer On
Successivo
Whities 021 Bambounou - Whities 021

Info

Laurel Halo cura il 68° volume della serie Dj Kicks della !K7. La compositrice, dj e producer originaria di Ann Arbor, Michigan, da anni di stanza a Berlino, uscirà il 22 marzo 2019 con il proprio contributo ai missati della prestigiosa casata, 29 tracce complessive per 60 minuti. Sette i pezzi presentati in esclusiva, cinque da parte di gente come Rrose (Cricoid Pressure), Machinewoman (Just Made Some Jazz Music), FIT Siegel (Pennyrut), Nick León (Pelican Dub) e Ikonika (Bodied) e due dei suoi: la percussiva e minimale tech house di Sweete, condivisa assieme ai dettagli sul disco, e la più astratta, con cascate (e moviole) di note free al piano, Public Art.

Su SA trovate l’intera discografia della Halo, compresa l’ultima pubblicazione a lei accreditata, una collaborazione con il producer britannico Hodge, un 12” del 2018 dal titolo Tru / Opal / The Light Within You. Sempre in collaborazione e sempre lo scorso anno – questa volta con Oliver Coates (violoncello) e Eli Keszler (percussioni) – la producer ha firmato un altro EP in un distinto ambito musicale però. Il disco s’intitola Raw Silk Uncut Wood ed è stato recensito su queste pagine da Elena Raugei («Raffinatezza e minimalismo, senza bisogno di seguire le regole, anzi con l’esigenza di romperle»). La sua ultima prova solista, Dust, risale invece al 2017, un’opera che sempre nelle parole di Raugei, rappresentava un «piccolo capolavoro di destrutturazione surrealista, tra elettronica filo-R’n’B e free jazz, voci e cut up». La Halo si muove da sempre tra composizione e produzione, sintetica e strumenti acustici, campionamenti e found voices. Al netto di un solipsismo che nel tempo ha smorzato, nella sua carriera ha cambiato generi e stili anche in modo piuttosto repentino e marcato; un eclettismo che ritroviamo anche nella sua attività di dj, sui binari di una techno parecchio generosa sul lato dei ritmi, innervata di avvolgenti bass sound, con più giochi di sponda UK, e recentemente anche gqom (e oltre).

di Edoardo Bridda

Altre notizie suggerite