Live at Cafe OTO
Feb
21
2020

Nokuit

Live at Cafe OTO

NKT

NoiseSperimentale
Precedente
02022020 PALINDROME - 02022020
Successivo
THE GLOW DMA’s - THE GLOW

Info

Tra i riverberi di dieci anni di austerity e le incertezze di uno scenario post-Brexit in divenire, Cafe Oto resta una delle poche certezze del vivere a Londra. Passare davanti alle sue enormi vetrate, che sia un mercoledì sera o un fine settimana, può trasformarsi in un’epifania musicale, o in una fortuita esposizione a una buona dose di vibrazioni e rumore, quanto basta per resettare il cervello in modalità esplorativa o, come vuole il cliché, “experimental”.

Live at Cafe Oto documenta una di queste personali epifanie, il debutto live del produttore e sound artist Nokuit, che nella venue di East London si è esibito in una serata di metà agosto del 2018 a fianco di Flora Yin-Wong, Ausschuss e Min Sing. Il set, qui riproposto in una traccia unica disponibile in cassetta e digitale dal 21 febbraio 2020, è una sorta d’immersione à rebours nel catalogo dell’artista, caratterizzato da immaginifiche ibridazioni di noise, ambient e malinconici soundscape elettronici.

Come lasciano intuire i titoli delle uscite Fragments of Memories (2015), Analysis Paralysis (2016), Reality Disappears After Waking (2016) e dell’ottimo Patterns of Instability (2017), l’approccio e l’ispirazione di Nokuit hanno un che di fenomenologico, un interesse ad esplorare i limiti di percezione e coscienza del sé che inseriscono i suoi lavori nel filone più introspettivo e allucinatorio dell’elettronica sperimentale. Eppure in questo fitto set di poco più di mezzora, a fianco di ottenebranti texture noise, repentine abrasioni e infidi sample militareschi, compaiono seducenti stralci melodici e interludi meditativi che nulla hanno da invidiare agli episodi più rinvigorenti di un Tim Hecker o di un Biosphere.

di Giuseppe Zevolli

Altre notizie suggerite