Album

Luca D'alberto

Exile

5 Ottobre 2018 contemporanea

Il 5 ottobre 2018 via 7k/K7! esce Exile, secondo album dell’artista abruzzese Luca D’Alberto. Successore di Endless del 2017 (recensito su queste colonne da Nicolò Arpinati), il disco viene definito nella nota stampa «una serie di composizioni costruite attorno a melodie potenti e memorabili, crescendo incisivi alternati a passaggi più ampi, piramidi sonore in cui emergono elementi nascosti che si inseguono; una danza intrecciata di violino e pianoforte, ritmi che sembrano emergere dal nulla per creare affascinanti stratificazioni. Il tutto combinato con atmosfere cinematiche, delicate e malinconiche, potenti e vigorose».

L’artista, compositore di colonne sonore per spot di Apple e Wimbledon e collaboratore di registi del calibro di Wim Wenders e Peter Greenaway ma anche dell’indimenticabile coreografa Pina Bausch, ha idealmente suddiviso l’album in due filoni: «Da una parte c’è la dolcezza – precisa D’Alberto – in cui ho voluto esprimere l’idea di una carezza non data, di una persona che ti è vicina e sfiora la tua pelle senza toccarti davvero. Dall’altra c’è un lato più aggressivo e potente, che si traduce nella presenza di lame nascoste, connesse a una composizione urgente a cui non posso sfuggire». Di seguito l’ascolto di Like We Were e Consequences.

Tracklist
Ascolta
Spotify
Voti
Amazon
Discografia
Vota
  • 1 Exile
  • 2 Like We Were
  • 3 Pianodiscoteque
  • 4 Consequences
  • 5 Grace
  • 6 Astronaut In The Rising Sun
  • 7 The Truth About Us
  • 8 Love Song

I più ascoltati