Badbadnotgood (CA)

Biografia

Badbadnotgood sono Matthew Tavares (tastiere), Chester Hansen (basso) e Alexander Sowinski (batteria). I tre si conoscono all’Humber College Jazz Program di Toronto, nel 2010, e da subito capiscono che la comune passione per l’hip-hop può essere territorio fertile per future sperimentazioni.

Il primo album, BBNG, prodotto senza aiuti terzi, viene pubblicato nel settembre del 2011. Sonorità ruvide, tipiche di un modus operandi da home recording, che unite agli sprazzi di vocal weirdness e alle scintille kosmische-musik confezionano il debutto ideale. A metà strada tra le cover di pezzi classici dell’hip-hop statunitense e le composizioni originali, più tendenti al jazz, i Badbadnotgood non fanno mistero del loro amore per ogni declinazione della black music (salvo poi, in coda al disco, far partire il dissing verso i cloni moderni del Coltrane di Giant Steps).

Un anno dopo arriva il secondo numero sulla lunga distanza, BBNG2. Con l’aggiunta di sassofono (Leland Whitty) e chitarra elettrica (Luan Phang), il suono del trio diventa più ricco, acid-jazz a tratti orchestrale sporcato da veloci ricognizioni dancefloor, e inizia il processo di progressivo allontanamento rispetto ad un repetorio formato perlopiù da rivisitazioni di tracce altrui. «Approccio muscolare ma disciplinato, pensato in maniera elettronica», scrive M. Rancati, in sede di recensione. «BBNG2 è la consacrazione di una maniera post-laptop d’intendere un jazz-trio».

Il 2014 è l’anno del terzo LP, III, non più autoprodotto, ma pubblicato da Innovative Leisure, etichetta di Los Angeles. Il processo di distacco dalle cover riesce in pieno: le nove tracce del disco sono materiale esclusivamente inedito, concedono spazi più ristretti al lato hip-hop e affiancano ai collaudati ritmi jazz originali aperture kraut-sintetiche. Lavoro maturo e calibrato, meno minimale a livello di metodo produttivo. Gli strumenti suonati – sintetizzatori, archi e percussioni, già entrati in gioco in precedenza – sembrano ora parte integrante del setup del gruppo.

Dell’ottobre dello stesso anno l’annuncio del quarto album. Capitalizzando la precedente collaborazione con Ghostface Killah (il singolo Six Degrees, su Lex Records), quasi a segnare un ritorno verso certe ortodossie hip-hop, i Badbadnotgood pubblicano assieme al rapper del Wu-Tang Clan l’LP Sour Soul. Il disco, in uscita il 24 febbraio 2015, è prodotto dal canadese Frank Dukes (50 Cent, Lloyd Banks) ed è anticipato dell’ascolto della traccia Gunshowers.

Leggi tutto

Altre notizie suggerite