Foo Fighters (US)

Biografia

Accontentare tutti per non scontentare nessuno. La fine del grunge e l’inizio dell’era Foo Fighters, un periodo in cui il rock ha progressivamente perso appeal in contesti generalisti e – parallelamente – la capacità di stupire e di incidere sulle controculture.

Per il rocker medio del nuovo millennio i Foo Fighters sono la perfetta ancora di salvezza su cui poter contare senza incappare in focose delusioni, dopotutto è difficile deludere quando – in carriera – non si è mai eccelso, sguazzando costantemente tra il mediocre (la trilogia anni zero One by One, In Your Honor e Echoes, Silence, Patience & Grace), il discreto (Foo Fighters, There Is Nothing Left to Lose) e il buono (The Colour and the Shape e Wasting Light). La band di Dave Ghrol dal 1994 in poi si è mossa abilmente tra amicizie, collaborazioni e concerti evento incarnando la versione aggiornata dei rock-heroes per la generazione post-alternative.

Una perenne alternanza tra riff-o-rama, melodie pop, accelerazioni taglienti e chorus aperti che da Foo Fighters (1995) in poi continua a ripresentarsi di volta in volta senza lasciare troppe tracce. La storia li ricorderà per l’indole simpatica (e generalmente positiva) e per una manciata di singoli divenuti ormai dei classici del rock moderno (Everlong, My Hero, Learn To Fly, The Pretender, Times Like These, I’ll Stick Around…).

Leggi tutto

Altre notizie suggerite