Paolo Nutini (UK)

Biografia

Nato a Paisley, in Scozia, il 9 gennaio 1987, da padre di origini toscane e madre scozzese, e protagonista di una folgorante carriera all’insegna di un sound improntato sulle sonorità FM americane più classiche, dal rock fino alle radici della black music (blues, soul, r&b e funky), Paolo Nutini è autore negli anni ’00 di due album, These Streets (2006) e Sunny Side Up (2009), che vendono entrambi oltre il milione e mezzo di copie solo in Inghilterra. Caustic Love, pubblicato da Warner nel febbraio del 2014, ne sigla un passo deciso verso la completa maturità artistica, tradotta in una maggiore libertà espressiva e un’ulteriore immersione nel retrò stellestrisce.

La carriera di Nutini inizia nel 2003, quando viene notato da un talent scout durante un concerto organizzato per festeggiare il concittadino David Sneddon, vincitore della prima serie dei “Fame Academy”, un talent show in onda sulla BBC. Successivamente si trasferisce a Londra dove si fa conoscere attraverso una serie di esibizioni nei pub della città. Circa a metà degli anni Duemila la svolta arriva grazie al passaparola su internet, le partecipazioni radiofoniche ed una manciata di esibizioni di spalla a Rolling Stones, Amy Winehouse e KT Tunstall che gli garantiscono, nel 2005, una firma per una major (la Atlantic, legata al gruppo Warner) per la produzione del suo disco.

These Streets, prodotto da Ken Nelson (che ha lavorato anche con Coldplay e Gomez), forte dei singoli Last Request, Jenny Don’t Be Hasty, Rewind e New shoes, e di più di un milione di copie vendute nel solo Regno Unito, è anche il biglietto da visita per gli Stati Uniti; non a caso, l’ultimo dei citati singoli è il primo brano a venir proposto per il mercato americano (sarà anche inserito in una pubblicità della Puma).

Sunny Side Up arriva tre anni più tardi dopo un tour e una serie di partecipazioni ad importanti festival britannici e internazionali (Glastonbury, T in the park, il famoso concerto tributo a Ahmet Ertegun dove si esibiscono anche i Led Zeppelin). Il disco, prodotto da Ethan Johns (già al lavoro con Kings Of Leon e, non a caso, Ryan Adams), esce nel 2009 e sposta le sonorità di Nutini su territori più soul, country e folk senza disdegnare la old time music (ragtime, swing). L’anno successivo, nonostante la ricezione non sempre positiva del disco, l’ascesa del cantante è ancor più sostenuta: vince numerosi premi, tra cui un Ivor Novello (migliore album) e un Q Award come miglior artista maschile, a cui seguono varie apparizioni mondane: nel 2012 ha l’onore di esibirsi alla cerimonia d’apertura dei Giochi Olimpici estivi di Londra, mentre nel 2014 è ospite di Sanremo, dove interpreta Caruso in lingua italiana.

Sempre nel 2014 esce l’album della consacrazione definitiva, Caustic Love, descritto dall’Independent come «il migliore album britannico di R&B dagli anni ’70, dai tempi dei migliori Rod Stewart e Joe Cocker».

Leggi tutto

Altre notizie suggerite