David Lynch intervistato dal Daily Beast su Kanye West, True Detective e l’Ice Bucket Challenge

Intervistato dal Daily Beast, David Lynch, l’uomo senza il quale non avremo avuto True Detective, The Killing e Broadchurch come li conosciamo, giusto per rimanere nell’ambito post-Twin Peaks, ha raccontato alcuni fatti e aneddoti sull’Ice Bucket Challenge, Kanye West, Duran Duran, la meditazione trascendentale e il citato True Detective.

Lynch pratica la meditazione trascendendale da 41 anni. La usa come tecnica per trascendere la vita di tutti i giorni. “Funziona la prima volta e funziona sempre“, ammette, “accedi al più profondo ed etereo livello della vita. Un campo di pura coscienza e unità alla base di tutto e della mente”. Funziona per il mondo in cui viviamo dominato da stress e rabbia e funziona alla grande per i soldati, toglie loro di dosso ogni PTSD (post traumatic stress desease) ed è “come rimpossessarsi della propria vita“.

L’inizio della pratica per il regista è merito della sorella che aveva iniziato meditazione trascendentale con il maestro Maharishi Mahesh Yogi, lo stesso dei Beatles (“Aveva cambiato tono di voce e sembrava più felice“). Inizialmente scettico, Lynch rimane colpito dalla frase “la vera felicità non è là fuori. E’ qualcosa che sta dentro“. E’ ancora in lavorazione, apprendiamo, un documentario sul maestro (“è un progetto enorme, e ci metterò un po’ a completarlo“).

Interrogato sulla difficoltà di produrre nuovi film, Lynch non nasconde che sono tempi “strani” e bui dove è difficile trovare il budget per i suoi film. “La televisione via cavo è la nuova art house, è lì che sta …ma non è il cinema“, specificando di non aver “visto The Killing o Broadchurch” ma di aver molto gradito Mad Men, Breaking Bad e True Detective.Soprattutto per i due attori principali“, ribadisce, e nessun paragone tra Twin Peaks e la serie ideata da Nic Pizzolatto gli è venuto in mente.

La parte musicale dell’intervista mette in campo Kanye West e Duran Duran. Apprendiamo che il brano del rapper Blood On The Leaves è uno dei suoi pezzi preferiti e che i due hanno quasi lavorato al videoclip assieme. “Dovevo dirigere il videoclip di quel brano ma non se n’è fatto nulla… …West è anche venuto a casa mia un giorno. E’ un bravo ragazzo e un ottimo musicista… …ma non sono riuscito a trovare nessuna idea che soddisfacesse entrambi“. Il suo primo concert film riguarda, inoltre, i Duran Duran ed è in uscita a settembre (“è parte di un progetto promosso da American Express: Unstaged dove chiedevano ai registi di girare questo concerto in livestream… …la mia idea – che ho pensato sul momento – è stata quella di mixare diverse immagini mentre la band suonava. Ed è quello che poi abbiamo realizzato“).

E quel video per la serie Ice Bucket Challenge? “Ho dovuto versarmi addosso due secchiate d’acqua perché due persone mi hanno sfidato a farlo“, racconta beffardo, “così ho pensato di metterci dentro un po’ di musica. Sono bravo a suonare la tromba. E per qualche ragione volevo nominare Vladimir Putin…“.

 

31 Agosto 2014 di Edoardo Bridda
Leggi tutto
Precedente
Richie Hawtin / Plastikman “Ex è solo l’inizio” Richie Hawtin / Plastikman “Ex è solo l’inizio”
Successivo
Niagara: nuovo disco in vista e il singolo “Currybox + Curry Re-boxed” in ascolto Niagara: nuovo disco in vista e il singolo “Currybox + Curry Re-boxed” in ascolto

recensione

recensione

recensione

artista

album

Altre notizie suggerite