Fabric. Nuove misure antidroga per evitare la chiusura

Nella giornata di ieri, 18 dicembre, una notizia apparsa su Islington Gazette riportava guai seri per il Fabric, famoso club londinese, a rischio chiusura a causa di alcuni decessi di overdose avvenuti all’interno del locale negli ultimi anni.

Una campagna per salvare il club, con una petizione (35.000 firme in poche ore) e tanto di pagina Facebook, è stata prontamente attivata e a quanto pare ha sortito gli effetti sperati. Secondo quanto riporta l’Evening Standards la polizia ha ordinato al locale la revisione della licenza al fine di aumentare le misure di sicurezza. Dovrà venir installato un sistema di telecamere a circuito chiuso, impiegati cani antidroga (al costo di 300 sterline l’ora), mentre i controlli sulle carte d’identità dovranno essere più scrupolosi.

Abbiamo bisogno di vedere il documento scritto ma siamo fondamentalmente d’accordo su una serie di punti chiave, hanno dichiarato i fondatori del club Cameron Leslie e Keith ReillySulla vicenda si è espresso anche il capo della polizia Ian Howells (“I rapporti tra forze dell’ordine e club sono buoni. Stiamo cercando di migliorare la sicurezza per evitare ogni eventuale rischio“).

Giusto qualche settimana avevamo riportato una notizia dedicata ai rischi di una nuova, potente, pasticca (ma anche polvere) di MDMA.

Fabric

19 Dicembre 2014 di Daniele Rigoli
TAG
Precedente
BBC Radio 1. Flying Lotus tra i nuovi resident dj BBC Radio 1. Flying Lotus tra i nuovi resident dj
Successivo
Band Of Horses. Nuovo album nel 2015 e singolo in ascolto Band Of Horses. Nuovo album nel 2015 e singolo in ascolto

Altre notizie suggerite