• Mar
    08
    2019

Album

Bronson

Add to Flipboard Magazine.

Ci sono dischi difficili ma al tempo stesso salvifici, per chi li compone, pensa e registra soprattutto, ma anche per chi li ascolta a distanza, temporale e spaziale, oltre che “umorale”. È esattamente ciò che succede col nuovo lavoro di Adriano Zanni, uno che dapprima come Punck, poi col suo nome di battesimo, su queste pagine virtuali ci è passato spesso e spesso se non sempre è stato lodato per lo sguardo “altro”, per la sensibilità dimostrata, per la cura e il dettaglio minimo con cui cura la sua musica, oltre che l’apparato iconografico che la circonda: fotografia innanzitutto, di cui ha dato già qualche splendida testimonianza con i libri Soundtrack For Falling Trees e Siamo solo tenebra, e di cui un esempio particolarmente evocativo finisce nella splendida copertina di questo lavoro.

Ricordo Quasi Tutto è un disco difficile, composto in un momento difficile e trasudante questa difficoltà emotiva di cui non parleremo per pudore, eppure dal suo ascolto si è in grado di ricostruire, come se fosse una mappa che si va formando al momento dello sguardo/ascolto, tutto l’universo generico e specifico dietro la vita, prima ancora che la musica, di Zanni. Una «memoria sonora», come indica la press, più che un semplice disco, in cui field recordings più o meno datati e macchine digitali e analogiche si fondono per creare tappeti sonori in cui sembra di scorgere, come degli haiku in musica, piccoli stralci di vita vissuta, paesaggi più o meno riconoscibili, tracce mnemoniche, lasciti, passaggi, dimensioni personali e istantanee del presente. Che siano una tromba suonata in maniera dilettantesca, un clacson che suona nel traffico o il suono dei fuochi d’artificio sulla spiaggia, poco cambia: la maestria di Zanni nel catturare e “plasmare” i suoni è oramai acclarata, la capacità di universalizzare una questione specifica pure, facendone poeticamente un viaggio per suoni e immagini. Non resta, dunque, che seguire il suo consiglio e “ascoltare i suoni” per provare a (ri)orientarsi in questo più o meno breve transito terreno.

15 Aprile 2019
Leggi tutto
Precedente
Bibio – Ribbons
Successivo
?Alos / Xabier Iriondo – Coscienza di sé

album

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite