• Mar
    31
    2015

Album

Burnow Records

Add to Flipboard Magazine.

A quattro anni di distanza dall’ultimo Foreplays (2011) tornano gli italianissimi Apes on Tapes, e lo fanno in grande con un nuovo LP pubblicato da Burnow Records. Il discorso è portato avanti con coerenza da Joe Antani, Shapka e Dyami Young, ripartendo dal precedente EP Pitagora’s Bitch (2014) e dal progetto solista di Joe sotto il moniker Fricat con l’EP Asinum Cum Asinum, riuscitissimo ibrido di trap, wonky e abstract hip hop.

Le suggestioni sono evidenti sin dalla (bellissima) copertina, con il trio che celebra la passione per i videogame 8-bit creando un hip hop altezza Run the Jewels ma più sbilenco e radicalmente lo-fi nell’approccio, e dando vita a 11 pezzi divertiti e divertenti. Dopo l’introduttiva Leisure Suite Ferris, arriva come uno schiaffo il primo singolo Epidemic!, lanciato dal gruppo anche come colonna sonora per un apposito e fantastico videogame arcade in cui è possibile impersonare a scelta uno dei tre componenti della band (leggi l’intervista di SA a Joe Antani per saperne di più). At the Speed of Darkness e Cyclic vedono Dyami, MC del gruppo, salire in cattedra ben supportato da beat rotondi e massicci bassi, intervallati dalle più riflessive Castlevanish e Polaroid&Parkingson’s. La coinvolgente e danzereccia Crusadness si riallaccia ad Epidemic! aggiungendo spezie orientaleggianti ad insaporire ulteriormente il tutto, seguita dalla (tematicamente) darwiniana Plasmon e dall’interludio electro Springroll Brothers. Si torna a calcare pesantemente la mano sui beat in Monkey on a Donkey, mentre la conclusiva Final Fractally (Trappolin) ridistende l’atmosfera giocando con intricate poliritmie.

Il tutto suona sicuramente fresco e divertente, una celebrazione intelligente ed orgogliosamente nerd dello scazzo, ben curata in tutti i suoi aspetti. Colonna sonora perfetta per ballare saltellando tra i pixel delle navicelle di Space Invaders e schivando i meteoriti di Asteroids.

5 Aprile 2015
Leggi tutto
Precedente
Fratelli Calafuria – Prove complesse
Successivo
Thalassa Day Three Thalassa Day Three

etichetta

album

artista

Altre notizie suggerite