• giu
    08
    2018

Album

Matteite

Add to Flipboard Magazine.

Nonostante l’attenzione sempre maggiore che circonda la drone-music, il drone a cui si fa riferimento nel titolo di quest’opera prima del nuovo progetto del batterista friulano Il Cane è l’apparecchio volante privo di pilota che negli ultimi tempi è divenuto un oggetto sempre più comune ed economicamente accessibile; spesso utilizzato per ampie riprese aeree (le stesse che compongono i video del progetto Artura), è proprio a questa peculiarità che va ricondotta la scelta di intitolargli il disco. Le dieci tracce di Drone suggeriscono infatti i larghi panorami desolati di una natura pacifica ed incontaminata: a partire dal math-rock che pian piano si dilata per sfociare nel miglior post-rock dell’iniziale Estranei, l’album preferisce ritmi placidi (ma mai noiosi o prevedibili, come dimostra anche il battito riverberato che guida Artengo) e suoni avvolgenti, dove gli strumenti incontrano la manipolazione elettronica.

Sempre centrale nel sound del trio, più dell’ottimo lavoro dietro le pelli de Il Cane o della rielaborazione tra analogico e digitale operata da Deison (evidente soprattutto in Ostica, forse il momento più cupo dell’opera), è il basso di Tommaso Casasola, sia quando incontra il violino nell’avvolgente ed etnica Fusa sia quando, insieme alla tromba, ora più leggiadra, ora più pirotecnica, di Zeno Tami, dona a Zeno uno sfavillante retrogusto jazzy. Così centrale che, nel muoversi verso gli ultimi brani (Gurken, Hostess), sempre più ricchi di groove (pur mantenendo quell’attitudine algida e leggermente intellettuale) si potrebbe parlare di un inedito post-funk, dove le classiche profondità metafisiche di Mogwai e Giardini di Mirò incontrano le good vibes della black-music.

Senza troppi clamori i tre Artura hanno sfornato un lavoro ricco ed intelligente, inaugurando un’avventura originale che speriamo si confermi nei prossimi lavori.

14 Luglio 2018
Leggi tutto
Precedente
La sacra malia. Live report The Veils, Museo Pecci, Prato.
Successivo
Lotic – Power

album

artista

recensione

artista

recensione

artista

recensione

artista

artista

Altre notizie suggerite