• nov
    04
    2014

Album

Polyvinyl Records, Clapping Music, Altin Village, Africantape

Add to Flipboard Magazine.

C’è sempre stato un elemento paradossale nella musica dei Deerhoof, con quel suo fluire da cui emergono elementi disparati offerti all’ascoltatore a volte senza un vero centro, spiazzandolo. La scelta, in queste trame sonore, è sempre stata quella di far compenetrare gli elementi antitetici, oppure dividerli in compartimenti all’interno di uno stesso brano o nella tracklist. La cosa davvero particolare è che questa complessità molto simile alla schizofrenia ha sempre creato un dialogo interessante tra la band e chi ascolta: c’è questo scambio di coraggio misto a divertimento (come non vedere nei Deerhoof degli sperimentatori? E al netto di ciò, come scindere questo lato avventuroso da quello cazzone-goliardico-giocoso?) che non si percepisce solo nei suoni, ma anche nell’attitudine. Si sente che si stanno divertendo, e che lo fanno in maniera complessa: eppure non cadono mai nell’autoreferenzialità. E all’ascoltatore questo arriva. Che poi per essere ascoltatori dei Deerhoof siano necessarie di certe dosi di passione per sonorità laterali o di – ahem – una forma mentis simile a quella dei matti, questo è un altro discorso.

Attenzione però: il solito elogio del coraggio che crea dischi belli a priori è un’ingenuità che non vale per loro. I motivi sono due: hanno già dimostrato la loro originalità sul campo e, comunque, volenti o nolenti, più si alza l’asticella dello sperimentalismo più è facile scadere nella noia, se la qualità (o quantomeno la particolarità della proposta) non è elevata, tesa, vibrante. Qui occorre fare una precisazione: l’ultimo Deerhoof prosegue sulla strada tracciata dai recenti dischi “melodici”. Album che possono essere considerati pop solo se messi a confronto con quelli del passato della band, e che – e qui si torna alla sperimentazione – mantengono una dose di eccentricità pronunciatissima. Il laboratorio-Deerhoof è ancora aperto in quanto la band non si lascia sopraffare dal pop ma lo piega, anche qui, alla propria identità. È una sfida vinta perché (e forse soprattutto) nonostante la formula si conosca a memoria, c’è sempre qualcosa di interessante, di riuscito: un azzardo portato nella giusta direzione.

La battaglia tra melodia e sperimentazione, che in altre band trova sempre forme manichee, qui è un blocco unico: più che due rette che a volte si toccano, questa musica è raffigurabile come un calderone. A oscillare è solo il modo in cui la qualità trova vie astruse per arrivare all’ascoltatore: la strumentale God 2 con i suoi groove che si alternano tra il tecnologico e lo zuccheroso, lo spettro di tUnE-yArDs sparso qua e là, le chitarre ritmiche a metà strada tra no wave e bubblegum (ed è davvero possibile tutto ciò?), i coretti, i blues scheletrici in apnea, l’adrenalina (Exit Only), il cubismo di canzoni spezzettate e rimontate su un corpo pop esploso in un caleidoscopio. Il tutto a mollo in arrangiamenti quasi progressive (eppure mai prolissi).

Lunga vita ai Deerhoof, dunque: per carità, non il loro disco migliore, ma gente in giro da vent’anni con questo carisma è difficile da trovare.

4 novembre 2014
Leggi tutto
Precedente
Wildbirds & Peacedrums – Rhythm Wildbirds & Peacedrums – Rhythm
Successivo
Thurston Moore @ Live report, Alcatraz, Milano 2014 Thurston Moore @ Live report, Alcatraz, Milano 2014

album

album

recensione

concerto

album

artista

Altre notizie suggerite