• Mar
    13
    2014

Album

Madlib Invazion

Add to Flipboard Magazine.

Common sense, common knowledge and confidence“, ovvero quello che più è venuto a mancare nel mondo dell’hip-hop, dalla sua entrata nel music business. Quasimoto (aka Madlib), di certo, non è stato il primo a lanciare moniti, ma in ben pochi sono riusciti a mantenere quell’integrità morale e professionale tanto glorificata.

Non è solamente questione di soldi o puttane, puoi riuscire a parlarne tranquillamente senza risultare ridicolo o in qualunque modo, idiota. Non è neanche una questione di provenienza, dove è altrettanto facile scadere nello sciovinismo di quartiere (quello spicciolo) quando si vanno a esaltare le proprie origini, soprattutto per chi confonde la contea di Coahoma per il Queens o Compton.

In Piñata, il dualismo tra essere e appartenere è ben decifrato. Freddie Gibbs, dopo aver chiarito il concetto di g-life tra i suoi primi EP e Mixtapes, riporta in studio ciò di cui non si è mai pentito nella vita. Senza andare a citare i tre EP che hanno preceduto l’uscita di quest’ ultimo album (Thuggin’, Shame e Deeper), il rapper ha avuto modo di farsi conoscere nell’ultimo decennio grazie al suo flow sciolto e il tono imperativo, capace di riportare in auge quel g-funk andato perso negli anni Duemila, e che in tanti riconducono allo scomparso Tupac Shakur. Ed è proprio grazie alle caratteristiche vocali dello stesso Gibbs, che Otis Jackson (Jr., sempre Madlib), ha deciso di attivare la collaborazione. Poche persone riescono a sposare la propria voce sulle sue poliedriche basi, che per quanto multiformi, non sono affatto accessibili a chiunque (il capolavoro in Madvillainy, con MF Doom, risiedeva proprio in questo).

Lungo le diciassette tracce che compongono il lavoro, c’è questo nostalgico quanto polveroso ritorno alle origini. La mano – ma soprattutto il campionatore – di Madlib si sente, anche perché come al solito riesce ad inserire in un contesto prettamente gangsta hip hop (dal punto di vista testuale), una moltitudine di generi, citazioni e breaks che variano tra atmosfere psych space (Bomb ft. Raekwon), struggenti re-interpretazioni prog high-pitched (Uno e Thuggin’, campione di quel che in origine proveniva dai Rubba e pezzo nel quale il rapper stesso non risparmia niente e nessuno, dove più di ogni altra traccia rende chiaro il concetto di gangsta-Gibbs) e quel soul tanto dreamy quanto melodico (Robes ft. Earl Sweatshirt & Domo Genesis, Deeper).

I testi, d’altro canto, riportano a concetti auto-referenziali e già sentiti, ma il contesto – e soprattutto il background del personaggio – giustifica di per sé ogni esternazione. Si rimane confinati nei limiti di un uomo e nel suo modo di atteggiarsi, una sorta di Barry Gordy delle strade (rubando la citazione a chi ha poco merito al riguardo) che parla del suo rapporto con il verde (High ft. Danny Brown), delle ex amicizie (il diss rivolto a Young Jeezy, Real) o del modo d’affrontare le situazioni presenti e passate della vita (Shame ft. BJ The Chicago Kid, Knicks).

A rafforzare l’album, infine, ci sono le collaborazioni: spaziano tra la vecchia scuola (Raekwon, del Wu Tang Clan) e la nuova (Danny Brown, Earl Sweatshirt, Domo Genesis, Casey Veggies, Mac Miller e diversi altri). Stupisce l’apporto di Domo Genesis, che conferma le capacità e l’inventiva emerse nelle sue precedenti uscite. Più che evidente il fatto che, presi singolarmente, i componenti di Odd Future rendano decisamente di più che in branco, con Earl Sweatshirt e Casey Veggies (altri due esempi presenti in questo album) a confermarcelo.

Lasciamo stare ogni scetticismo: Piñata è un’ottima alternativa per chi è stanco di doversi affidare al passato. La concretezza delle sue parole non logora le classiche basi alle quali siamo abituati da ormai vent’ anni, bensì le re-interpreta, rinvigorendole.

20 Marzo 2014
Leggi tutto
Precedente
Major Lazer – Apocalypse Soon Major Lazer – Apocalypse Soon
Successivo
Paolo Castaldi – Finale Paolo Castaldi – Finale

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

artista

artista

Altre notizie suggerite