• Dic
    08
    2014

Album

1-800-Dinosaur

Add to Flipboard Magazine.

James Blake è uno che con le mani in mano non riesce a stare. Dopo il fortunatissimo ritorno di Overgrown nel 2013, il giovane producer londinese, durante l’annata, ha provato la nuova esperienza della residence su BBC Radio 1, purtroppo non confermata per il 2015, dove si è dilettato con la condivisione di interessanti playlist in cui proponeva agli ascoltatori buona parte dei suoi interessi musicali tra elettronica e hip hop, sempre con il taglio tra il serio e il faceto (a dimostrazione, la burla della finta intervista a Burial o la fittizia scoperta di nuovi artisti come Simon Tallywhacke, poi rivelatosi Jamie xx)

Nel mentre si è concesso qualche remix sotto il consueto alias Harmonimix (vedi il recente edit di Feel Good Inc dei Gorillaz, International Player’s Anthem degli Outkast e Drunk In Love di Beyoncé), ha mandato in onda alcuni inediti (40455, più due tracce incluse nell’EP), iniziando, nel contempo, a parlare del nuovo album e dei relativi ospiti (Kanye West?) già dalla scorsa primavera. Il nuovo EP rompe il silenzio discografico proponendo uno dei brani già noti ai fan, quel 200 Press che, scherzando, Blake aveva riferito al numero delle copie stampate. All’interno troviamo quattro tracce che mostrano un chiaro ritorno alle prime produzioni elettroniche, Klavierwerke in primis, senza lasciarsi alle spalle il classico sound blue step che ha reso famoso il musicista. La title track, con falsetto femminile e vocione r’n’b, rispolvera frammenti di post-dubstep, atmosfere hip hop e un bel tiro house con frequenze poco sopra i 120 bpm. Non manca ovviamente il taglio wonky e i vertiginosi, acidissimi, synth di 200 pressure.

La via tracciata da Overgrown la ritroviamo invece in Building It Still, con il marchio di fabbrica del malinconico pianoforte. In conclusione c’è la poesia Words That We Both Know, simpatico riempitivo raccontato dalla voce filtrata del Nostro e dalle oscillazioni in sottofondo. James Blake sorprende e convince, in attesa della nuova prova.

20 Dicembre 2014
Leggi tutto
Precedente
Richard Dawson – Nothing Important Richard Dawson – Nothing Important
Successivo
Giovanni Succi – Lampi Per Macachi Giovanni Succi – Lampi Per Macachi

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

James Blake at Magazzini Generali, 21 ap...

Live Report

artista

Altre notizie suggerite