• Ott
    12
    2018

Album

Away

Add to Flipboard Magazine.

Ma che bella sorpresa questo esordio sulla lunga distanza del producer greco Mr. Statik: forse avremmo dovuto aspettarcelo, l’Ep Rogue Cherub dello scorso anno era una discreta bombetta (impreziosita dal paradisiaco e vibrante remix della title track, presente anche nell’album, firmato Matthew Herbert), ma in una carriera avviata nell’ormai lontano 2007 e continuata soprattutto nel breve formato ripercorrendo, anche in maniera abbastanza didascalica, le varie mode tech-house che si sono susseguite nel decennio, dalla minimal degli esordi a più recenti tendenze lo-fi-house, un tale colpo di coda (e di genio) era difficilmente preventivabile.

Niente di tutto questo, se si esclude la già citata Rogue Cherub che, tra l’atmosfera più luminosa e serena e l’interpretazione del collega e cantante statunitense Dave Aju, è indubbiamente il pezzo meno disturbante del lotto, però viene riproposto in Metamorphose: un disco in cui di minimale c’è soprattutto il sound-design, così asciutto ed essenziale da risultare polemicamente (e politicamente) autarchico, e che di romantico e suadente si concede al massimo i mugolii sommessi dell’iniziale, fluttuante e spettrale, Insomnia. Si gira soprattutto intorno a una techno-dub scheletrica, dove la componente giamaicana è rappresentata principalmente da tutto l’armamentario tecnico, tra echi, feedback e bassoni riverberati: si passa così dal caracollante incedere di Katastrophe alle atmosfere notturne e berlinesi di Burdens e della rotolante Retracing My Steps, dall’elettronico post-punk inquieto e lussureggiante di Drone alla nenia da Sud America post-apocalittico di El Diablo de Charrapal.

Durante i quasi sessanta minuti di musica contenuti in Metamorphose ci si addentra nella visione particolare e atipica, distorta e obliqua di Mr. Statik: un artista capace di rileggere alcune mode techno con assoluta personalità e una sensibilità deviata che, pur essendo non di impatto immediato, si instilla nell’ascoltatore per conquistarlo gradualmente.

15 Ottobre 2018
Leggi tutto
Precedente
Tom Morello – The Atlas Underground
Successivo
Donato Zoppo – Il nostro caro Lucio

album

recensione

album

Mosca

Don’t Take This The Wrong Way / Peyote Stitch

articolo

Radical Possibilities Of Pleasure. Intervista a Samuel Kerridge

Intervista

In occasione dell'uscita dell'ep "The Silence Between Us" abbiamo scambiato alcune riflessioni sulla sua musica con il producer inglese Samu...

recensione

album

recensione

recensione

Shackleton

Music for the Quiet Hour / The Drawbar Organ

artista

Altre notizie suggerite