• Gen
    01
    2015

Album

Virgin

Add to Flipboard Magazine.

Eccovi una rapida lista delle critiche che sono state mosse dalla stampa internazionale (principalmente britannica) agli Slaves, ovvero la coppia “punk” del Kent formata da Isaac Holman (batteria e voce) e Laurie Vincent (chitarra e basso, a seconda del pezzo): una copia sbiadita degli Sleaford Mods, un duo completamente ignorante che scrive testi privi di logica e una formazione influenzata dalla “bestia nera” dell’attuale mercato discografico del Regno Unito, gli odiatissimi (ma popolari) Royal Blood.

Certo, il loro suono è basato sulle chitarre ma con gli Sleaford Mods ci azzecca veramente poco, e lo stesso si può dire del paragone con i Royal Blood, di sicuro più hard rock che punk. I testi poi, sacrosanto, sono “ignoranti”, nonostante cerchino di fotografare lo stato della nazione, eppure anche questa critica è piuttosto ingenua: il punk è, da sempre, in virtù del suo DNA, in perenne bilico tra farsa e autenticità estrema, dunque niente di scandaloso, o di sbagliato di per sé. Sul suono già sentito, lasciamo perdere: è questa la regola oggi, puoi rimescolare alcuni elementi ma attorno al suo verbo il recinto è ormai piantato, e rispettato proprio per la sua riconoscibilità.

Gli Slaves non inventeranno nulla ma un certo “tiro” è garantito. Prendete il tris iniziale: The Hunter è una cavalcata che comincia quasi doom per poi crescere rabbiosa; Cheer Up London ha tutte le caratteristiche dell’inno brutto e grossolano ma funzionale al sing-a-long (e mettici che il duo, dal vivo, ci sa fare…); Sockets, invece, è una travolgente lezioncina stradaiola tra chitarre a tutto andare e storielle urbane.

Peccato che il resto della tracklist non sia all’altezza. Divertente, tra cori, cadenze panzer e corde grattuggiate, quello sì, ma schematica e ripetitiva in molti frangenti (Wow!!!7AM è un esempio). Il suono, del resto, è quello del punk classico, dai Sex Pistols agli Adverts, senza accenti californiani o, tantomeno, hardcore, una corsa di 37 minuti senza troppi sforzi che, in alcuni momenti – come la title track – trova anche spazio per certa malinconia Libertines, seppur più scanzonata.

Forse non un centro pieno, ma sicuramente un album che fa il suo sporco lavoro.

31 Ottobre 2015
Leggi tutto
Precedente
Willis Earl Beal – Noctunes Willis Earl Beal – Noctunes
Successivo
Girls Names – Arms Around a Vision Girls Names – Arms Around a Vision

album

album

Sex Pistols

Never Mind The Bollocks Here’s The Sex Pistols

recensione

articolo

Intervista agli Sleaford Mods

Intervista

In occasione del tour italiano degli Sleaford Mods, Alice Gualtieri, dj specializzata in suoni made in Uk, ci ha proposto un'intervista che ...

artista

album

Slaves

Sugar Coated Bitter Truth

artista

artista

Altre notizie suggerite