• mar
    30
    2018

Album

RareNoise

Add to Flipboard Magazine.

Al quinto lavoro in studio, i Sonar di Stephan Thelen e Bernhard Wagner continuano il loro personalissimo viaggio esplorativo nei meandri del groove minimalista, accompagnati però in questa nuova avventura da uno dei massimi esponenti della sperimentazione chitarristica mondiale: David Torn. Collaboratore di una pletora di musicisti di qualsiasi area (da Don Cherry a Madonna, per farvi capire), il mago del looping Torn arriva quasi per caso a conoscere i Sonar, introdotto alla loro musica da Henry Kaiser, altro manipolatore di tempo e spazio, e quella che all’inizio doveva essere solo una collaborazione da esterno, da produttore, diventa invece un disco da membro aggiunto a tutti gli effetti.

Magmatico mix di minimalismo, groove e matematica, Vortex va ad approfondire il discorso iniziato già nel precedente e apprezzato Black Light, potenziandone però linguaggio e spingendosi verso territori più prog e “cremisi“. Tra i tanti punti di forza del disco, sicuramente, i quasi dieci minuti di Part 44, in cui i pattern intessuti da Thelen e Wagner si intrecciano perfettamente con il chitarrismo di Torn; una Monolith apparentemente immobile e con la tensione sempre sul punto di esplodere; Vortex e Lookface!, le tracce più rock della scaletta.

Da ogni angolo lo si guardi, Vortex è un bel lavoro in cui emerge il tentativo da parte dei Sonar di aggiornare un genere, ovvero il prog, che avrebbe ancora tanto da dire. Ottimo disco.

23 aprile 2018
Leggi tutto
Precedente
Protomartyr, Bronson, 18 aprile 2018
Successivo
Fu Manchu – Clone Of The Universe

album

artista

Altre notizie suggerite