• Apr
    08
    2014

Album

SQE

Add to Flipboard Magazine.

Assenti da ben sei anni dalle scene – l’ultimo Fasciinatiion è infatti del 2008, una vita fa in pratica – i The Faint tornano con Doom Abuse, continuando il personalissimo viaggio di ricerca cominciato nel precedente lavoro discografico. Azzerata la voglia di rock espressa nel controverso Wet From Birth e spinta da una irrefrenabile urgenza comunicativa già evidenziata in Fasciinatiion, la band capitanata da Todd Fink si butta a capofitto nel post-punk e nel synth-pop degli anni Ottanta, andando a pescare a piene mani dalla produzione dei maestri del genere Gary Numan e Killing Joke, maghi sintetici della sperimentazione.

Un back to the roots ai ruvidi esordi di Blank Wave Arcade palesato sin dalle prime battute dei singoli apripista Evil Voices e Help in The Head, fucilate in cassa dritta e basso iper-distorto, ingredienti base della dieta servita dalla band da Omaha, Nebraska. Mental Radio fa il verso ai già citati Killing Joke mentre Animal Needs – la traccia migliore del disco – richiama il canuto leader degli ex-Tube Army, Gary Numan. I titoli di coda sono appannaggio di Damage Control, che tra echi di The Cure era Disintegration chiude i giochi.

Forte e ruvido al primo impatto Doom Abuse, nonostante la buona riuscita, perde nerbo sulla lunga distanza, risultando sempre meno appetibile con il passare degli ascolti. 

25 Aprile 2014
Leggi tutto
Precedente
Islaja – SUU Islaja – SUU
Successivo
John Cage – Early Electronic and Tape Music John Cage – Early Electronic and Tape Music

album

recensione

recensione

recensione

recensione

recensione

artista

Altre notizie suggerite