Recensioni

7.2

Era pronto da un po’ questo atteso debutto di Venerus, purtroppo rimandato – come tanti altri lavori – a causa della pandemia. Le circostanze hanno fatto sì che uscisse praticamente in contemporanea a OBE di Mace, che anche qui produce quasi tutti i pezzi in scaletta, altro lavoro in cui Venerus ricopre un ruolo centrale. Se la paura era che i due dischi si “auto-fagocitassero” a vicenda viste le rispettive uscite una a ridosso dell’altra, la realtà sta invece dimostrando l’opposto: il risultato è quasi un doppio-disco di fatto, che ha innescato un circolo virtuoso di risonanza. Così OBE è il disco più ascoltato su Spotify e anche questo Magica Musica sta andando molto bene. Ma al di là delle strategie di marketing – fortuite o meno, sicuramente indovinate – veniamo della “ciccia” di un disco corposo e riuscito. 

Già dal titolo e dalla cover che echeggia Giordano Bruno è evidente come nell’economia dell’album sia centrale l’atmosfera esoterico-fiabesca, che prende l’immaginario di un William Blake goloso di funghetti e lo affoga in un’orgia a tinte pastello di delicatezze preraffaellite. È un’estasi mistica ma mai religiosa, spirituale sì ma senza mai sbragare in un new age accattone. Le produzioni sono fresche e attuali: guardano a un soul/r&b al crocevia tra Ghemon e JMSN ma suonano riccamente suonate, nel senso che gli strumenti ci sono e palpitano. Quindi questa blackness slavata a base di hip hop ingentilito e funk bianco è traghettata in un mondo di pop quasi prog, che guarda ai Beatles di Sgt Pepper e ai Pink Floyd di The Dark Side of the Moon più che a quella che sarebbe la sua palette abituale di riferimenti, almeno sulla carta.

Le tinte oniriche che dicevamo sono quindi rese con arrangiamenti che danno risalto a synth avvolgenti e linee di basso spesso esaltanti, quella della lisergica e peppersiana Lucy (una “funksploitaion” molto anni ’90) su tutte, siano esse digitali (Buyo) oppure analogiche (Sei acqua). Ci si spalma poi sopra un po’ di sax (Brazil) o una chitarra stiracchiata (Fuori, fuori, fuori…), qualche delicato tocco di organetto (Se acqua) o un piano adeguatamente malinconico.

È in generale un disco che per ricchezza e omogeneità qualitativa dei risultati ha molto da insegnare al pop italiano (anche da classifica); il fatto che come il suo “gemello” OBE stia andando molto bene a livello di risultati anche numerici fa sì che il suo messaggio possa venire accolto molto più facilmente, e questo è solo un bene. A differenza del lavoro di Mace qui manca forse un singolone traino che possa fare il Sotto la Pioggia della situazione, ma va benissimo anche così. 

Voti
Amazon

Ti potrebbe interessare

Le più lette