• Mag
    20
    2014

Album

Mute, ANTI-

Add to Flipboard Magazine.

L’artista francese di origine bretone torna, a distanza di tre anni dal precedente Skyline, con un disco registrato in Islanda e sull’isola di Ouessan in Bretagna. Prodotto dallo stesso Tiersen,  (Infinity) è permeato di atmosfere locali, e infatti sono presenti al suo interno collaborazioni con artisti madrelingua per i brani parlati e cantati in bretone (Ar Maen Bihan), faroese (Grønjørð) e islandese (Steinn).

Per certi versi, l’album non si discosta dalle sonorità tipiche del Nostro: strumentali atmosferici, i suoni giocattoli degli esordi, minimalismo e trame trasognate, con i pezzi che seguono grossomodo la stessa struttura, sospesi tra archi e coralità sparse. La scelta dei suoni giocattolo è un richiamo ai primi lavori, il tutto manipolato elettronicamente e con l’aggiunta di strumenti acustici manipolati anch’essi (e così via…). Ne viene fuori un disco che potrebbe essere la colonna sonora di un documentario a carattere naturale, in cui il Tiersen che si conosce viene fuori a tratti, preferendo lasciar parlare soprattutto le trame sonore corali e alleggerendo il tutto per lasciare respiro alla musica, dopo i barocchismi che appesantivano alquanto gli ultimi lavori.

Un intelligente cambiamento di rotta quindi, che rende (Infinity) omogeneo e leggero.

20 Maggio 2014
Leggi tutto
Precedente
Rhys Chatham @ Teatro San Leonardo, Bologna – AngelicA Festival 2014 Rhys Chatham @ Teatro San Leonardo, Bologna – AngelicA Festival 2014
Successivo
Sd Laika – That’s Harakiri / Visionist – I’m fine II Sd Laika – That’s Harakiri / Visionist – I’m fine II

album

recensione

articolo

Type Records / John Twells

Speciale

The Dead Sea riporta il nome di Xela alla ribalta delle cronache musicali, non solo come scopritore di musicisti e boss della rampante Type,...

recensione

artista

Altre notizie suggerite